menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Combattiamo l'odio sui social colpo su colpo: messaggi positivi contro insulti e bufale"

Ai post e commenti di haters il gruppo #jagärhär nato in Svezia risponde con altrettanti commenti sereni e pacati. E smascherando le fake news. La sua fondatrice, la giornalista Dennert, è però ora finita sotto attacco

L'odio sempre più corre in rete. Sui social network si moltiplicano gli attacchi e gli hate speech contro personaggi pubblici ma anche semplici cittadini. Il fenomeno è diventato così preoccupante che alcuni Paesi stanno studiando leggi apposite per combatterlo. Ma c'è anche chi si è invece organizzato dal basso per combattere questo odio con le sue stesse armi: i social network. Succede in Svezia, con #jagärhär, hashtag che vuol dire “io sono qui”. Si tratta di un gruppo di Facebook nato allo scopo di difendere e sostenere le persone attaccate online da troll e odiatori e per combattere la diffusione di fake news. E che sta facendo sempre più proseliti

Il gruppo mobilita i membri per aggiungere comment positivi nelle discussioni online in cui si diffondono odio e disinformazione allo scopo di riequilibrare la discussione online e, sfruttando l'algoritmo di Facebook, togliere dall'evidenza i comment di odio. Il procedimento è semplice: quando odio e disinformazione prendono il sopravvento nei commenti sui social, #jagärhär invita i suoi membri ad esprimere reazioni positive per riequilibrare la discussione.

Come racconta il Guardian il gruppo, che adesso conta quasi 74mila membri per la maggior parte svedesi, è stato creato nel 2016 dalla giornalista Mina Dennert. "Ciò che mi ha spinto ad agire è stato vedere persone che non mi aspettavo che iniziavano a ripubblicare cose davvero razziste", ha spiegato al giornale. E così ha cominciato a chidere conto a coloro che diffondevano fake news il perché lo facessero e le smascherava.

“Certamente i social non sono lo specchio della popolazione, ma quando si leggono i commenti, si ha spesso l'impressione che l'80% della popolazione pensi, per esempio, che l'omosessualità sia una malattia”, ha dichiarato Dennert, iraniana di nascita, adottata all'età di 1 anno e cresciuta in Svezia, vincitrice di diversi riconoscimenti per la sua professione, tra cui il premio “Anna Lindh” nel 2017 per aver sostenuto ideali giusti e democratici.

Adesso però è diventata in prima persona bersaglio di attacchi. Dennert riceve regolarmente minacce di morte e addirittura suo padre ha ricevuto proiettili via posta. Alcuni hater hanno attaccato lei e suo marito Magnus, anche lui giornalista, pubblicando dati personali sensibili relativi alla coppia in rete.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento