La Cina avverte: "Con gli Usa a un passo da una nuova Guerra fredda"

Il ministro degli Esteri di Pechino chiede "rispetto reciproco" e accusa Washington di avere diffuso "innumerevoli bugie" e "teorie di complotto", come sulle responsabilità legate al coronavirus

Il presidente cinese Xi Jinping e quello Usa Donald Trump

Il governo di Pechino punta il dito contro Washington e avverte il mondo: con gli Usa siamo "a un passo da una nuova Guerra fredda". L'avvertimento è arrivato dal ministro degli Esteri Wang Yi durante la conferenza stampa annual a margine dell'Assemblea Nazionale del Popolo, il parlamento cinese.

Il ministro ha accusato gli Stati Unti di avere diffuso "innumerevoli bugie" e "teorie di complotto" sulla Cina, come quelle sull'origine del coronavirus, e di usare "ogni opportunità per attaccare la Cina". Wang Yi ha aggiunto che i due Paesi "non dovrebbero avere conflitti e cooperare in una logica win-win e di rispetto reciproco". Allo stesso tempo, ha aggiunto, "gli Usa devono rinunciare a voler cambiare la Cina e rispettare" la sua volontà di sviluppo della nazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'avvertimento della Cina arriva in un momento in cui si sono riaccesi i focolai di protesta a Hong Kong. L'ex colonia britannica, e oggi regione a statuto speciale della Cina, lamenta da tempo i tentativi di Pechino volti a limitarne l'autonomia. L'ultimo fronte di scontro riguarda la legge sulle sicurezza nazionale in discussione al parlamento cinese, che porterebbe, secondo le accuse degli attivisti per i diritti umani, a una forte limitazione del diritto di critica e protesta. Da qui lo slogan degli 'hongkonger': "Niente rivoltosi, solo tirannia". Già nel 2019, una proposta di legge di riforma della giustizia aveva scatenato manifestazioni in tutta Hong Kong che avevano avuto una forte eco internazionale. I nuovi sit-in promossi dal fronte degli autonomisti potrebbero riaccendere i riflettori dell'Occidente sulla situazione della democrazia e dei diritti umani in Cina. Una pubblicità negativa che non giova alle mire di Pechino di accreditarsi come partner economico affidabile in Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento