Venerdì, 22 Ottobre 2021
Attualità

La Cina diventa il primo partner commerciale dell'Ue: superati gli Usa

Nei primi nove mesi il vantaggio di Pechino nella bilancia commerciale con i 27 Paesi europei è aumentato di 12 miliardi. Pesa l'effetto Covid, che ha bloccato la crescita di esportazioni dal Vecchio Continente e fatto crescere le vendite cinesi del +4,5%

Il 2020 sarà ricordato anche come l’anno in cui la Cina ha superato gli Stati Uniti nel valore degli scambi commerciali con l’Unione europea. Secondo i dati diffusi dall'Eurostat, nei primi nove mesi dell’anno la Cina ha aumentato le sue esportazioni verso il Vecchio Continente del 4,5%, toccando quota 280,7 miliardi di euro. Nello stesso periodo il valore dei prodotti made in Europe venduti in Cina è rimasto invariato rispetto all’anno precedente, attestandosi a 144,8 miliardi. Numeri che sommati registrano uno scambio commerciale tra Pechino e gli Stati Ue di un totale di 425,5 miliardi di euro, a fronte dei 412,5 miliardi frutto dello scambio Ue-Usa. 

Effetto Covid

I rapporti commerciali tra le due sponde dell’Atlantico hanno infatti subito una brutta battuta d’arresto dovuta alla pandemia, che ancora di frena le economia di Europa e Usa. Gli Stati Uniti hanno infatti perso l’11,4% delle loro esportazioni verso l’Ue. Anche i 27 Paesi europei hanno venduto meno prodotti oltreoceano, con una riduzione del 10% del valore delle importazioni verso gli Stati Uniti. 

Schermata 2020-12-04 alle 12.22.40-2

Saldo commerciale negativo per l'Europa

Nel saldo commerciale con le due superpotenze i rapporti rimangono gli stessi, ma cresce il divario con la Cina mentre diminuisce il vantaggio Ue dagli scambi con gli Usa. Pechino registra un surplus di 135,9 miliardi di euro nella bilancia commerciale con l’Ue, con una crescita pari a 12 miliardi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I 27 Paesi Ue perdono invece ben 9 miliardi di vantaggio commerciale con gli Stati Uniti, con un surplus ridotto a 106,1 miliardi rispetto ai 115,1 miliardi dei primi nove mesi del 2019. I dati, pubblicati dall’Eurostat il mese scorso, sono stati ripresi dalla stampa internazionale solo nelle ultime ore, forse perché sfuggiti a tanti osservatori.

La Cina guadagna sui dispositivi di protezione

A riportare il tema sotto i riflettori è stato l’Insee (l’Istituto nazionale francese della statistica e degli studi economici) il quale ha affermato che le importazioni cinesi dall'Europa sono aumentate nel terzo trimestre grazie alla breve ripresa precedente alla seconda ondata. Ma allo stesso tempo gli acquisti di dispositivi di protezione individuale hanno incrementato le esportazioni cinesi, con l’aumento del vantaggio di Pechino sugli scambi con Bruxelles. L'Ue è il principale partner commerciale della Cina dal 2004, quando ha superato il Giappone, ma questa è la prima volta che è vero anche il contrario, ha aggiunto l'agenzia di statistica francese Insee.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Cina diventa il primo partner commerciale dell'Ue: superati gli Usa

Today è in caricamento