Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità

La chiesa tedesca si ribella al Vaticano: via alle benedizioni delle coppie gay

Luoghi di culto e parroci sparsi per tutto il Paese hanno già aderito all'azione di protesta. Tra gli organizzatori c'è anche Maria 2.0, l'iniziativa di riforma della Chiesa cattolica che mira ad affidare alle donne incarichi di rilievo

Unioni benedette in Germania e osteggiate a Roma. In una chiesa tedesca si è tenuta la prima di una serie di messe previste in tutta la Germania per benedire le coppie omosessuali, a dispetto del decreto vaticano che mette al bando tali benedizioni in quanto vietate dalla Chiesa cattolica. “I cieli erano aperti”, ha detto il sacerdote di Monaco, Wolfgang Rothe, visibilmente commosso dopo le prime benedizioni davanti all’altare del luogo di culto decorato con una bandiera arcobaleno. 

L'amore vince

I sacerdoti cattolici tedeschi si stanno ribellando al Vaticano all'insegna del motto #liebegewinnt, l'amore vince. Secondo il Frankfurter Allgemeine Zeitung, solo odmenica scorsa hanno dato la loro benedizione a oltre cento coppie, indipendentemente dal fatto che si tratti di unioni eterosessuali o gay. Il gesto di disobbedienza è iniziato a una settimana dalla Giornata internazionale contro l’omofobia, che si celebra il 17 maggio. Le benedizioni di coppie dello stesso sesso continueranno in tutta la Germania al fine di “inviare un messaggio chiaro alla Chiesa”. “La mia preoccupazione è di portare questo gesto fuori dai cortili della chiesa”, ha detto padre Rothe all’agenzia di stampa tedesca Dpa. Christine Waldner e il suo partner Almut Muenster, tra i primi a ricevere la benedizione, hanno affermato di aver trovato la cerimonia “molto commovente”.

Il progetto Maria 2.0

“Non è stato così facile trovare una chiesa”, ha detto Renate Spannig, portavoce dell'iniziativa di riforma Maria 2.0, che ha co-organizzato la serie di benedizioni disobbedienti. Maria 2.0 ha elaborato un progetto di riforma di base che prevede, tra le altre cose, l'assegnazione di ruoli di rilievo anche alle donne al servizio della Chiesa cattolica. Nonostante le prime difficoltà, circa 2.600 personalità della Chiesa tedesca si sono dichiarate disponibili a continuare a benedire le coppie dello stesso sesso.

La reazione

Il presidente della Conferenza episcopale cattolica tedesca, Georg Baetzing, ha criticato il gesto di disobbedienza. “Non è questa la strada da seguire”, ha dichiarato l’uomo di chiesa. “I servizi di benedizione hanno una loro dignità teologica e un significato pastorale” e “non sono strumenti per manifestazioni politiche ecclesiastiche o azioni di protesta”, ha aggiunto Baetzing.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La chiesa tedesca si ribella al Vaticano: via alle benedizioni delle coppie gay

Today è in caricamento