Che faccia ha un uomo violento? La campagna degli eurodeputati Pd contro la violenza sulle donne

In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne la delegazione del Pd al Parlamento europeo lancia una campagna di sensibilizzazione su facebook. Gli obblighi degli Stati europei nell'assicurare la protezione delle donne.

Campagna della delegazione del PD al Parlamento Ue. PD

La foto di un uomo di spalle, in giacca, con la domanda, "Che faccia ha un uomo violento con le donne?" e quindi la risposta: un altra foto, quella di una donna maltrattata, e la scritta "Solo questa purtroppo". E poi "La violenza sulle donne è da vigliacchi. Fermale se sei un uomo". Questo il cuore della campagna lanciata dalla delegazione del Pd al Parlamento europeo in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne. "62 millioni di donne in Europa hanno vissuto esperienze di violenza dall'età di 15 anni", si legge ancora nel testo che accompagna la campagna lanciata su facebook dagli eurodeputati Pd. 

La Convenzione di Istanbul

L'operazione mediatica lanciata oggi ricorda anche gli strumenti creati nel quadro del Consiglio d'Europa per promuovere la protezione delle donne contro la violenza. Il primo è la Convenzione di Istanbul, "il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante che crea un quadro giuridico completo per proteggere le donne contro qualsiasi forma di violenza", ed è incentrata sulla prevenzione della violenza domestica, proteggere le vittime e perseguire i trasgressori.

La Convenzione caratterizza la violenza contro le donne come una violazione dei diritti umani e una forma di discriminazione e per questo i paesi firmatari, che sono tutti quelli del Vecchio continente, dovrebbero attuare gli adeguati strumenti legislativi e sociali per prevenire la violenza, proteggere le vittime e perseguire i colpevoli.

I delitti da punire

Inoltre, il trattato stabilisce una serie di delitti caratterizzati da violenza contro le donne. Gli Stati dovrebbero includere questi nei loro codici penali o in altre forme di legislazione o dovrebbero essere inseriti qualora non già esistenti nei loro ordinamenti giuridici. I reati previsti dalla Convenzione sono: la violenza psicologica, gli atti persecutori come lo stalking, la violenza fisica, la violenza sessuale, compreso lo stupro, il matrimonio forzato, le mutilazioni genitali femminili, l'aborto forzato e la sterilizzazione forzata, e, infine, le molestie sessuali, fenomeno finito nelle ultime settimane al centro delle cronache.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La convenzione prevede anche un articolo sui crimini commessi in nome del cosiddetto "onore", un'attenuante abrogata in Italia solo nel 1981.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Chiuderemo Facebook e Instagram in Europa", ecco il perché della minaccia di Zuckerberg

  • “I migranti ci penseranno due volte prima di imbarcarsi per l’Europa”, bufera sul nuovo piano Ue

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • "Svezia verso l'immunità di gregge, lì la pandemia potrebbe essere finita"

  • Code di 7mila tir e crisi peggiore del Covid: Londra adesso teme la Brexit senza accordo

  • Cercasi rifiuti: termovalorizzatori danesi a secco perché manca la spazzatura da bruciare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento