L'Ue vuole la carta d'identità unica con la bandiera comunitaria

Primo sì in Parlamento alla riforma che richiede caratteristiche di sicurezza ed estetiche comuni. Il relatore: "Per combattere le frodi e facilitare la libera circolazione"

Ci sono almeno 86 diverse versioni di carte d'identità e 181 tipi di documenti di soggiorno in circolazione nell'Ue. Il numero totale di persone trovate con documenti falsi che entrano o escono dall'Unione è aumentato di circa il 16% dal 2013 al 2015 e si stima che il furto di identità abbia un costo di 2 miliardi di euro all'anno a livello comunitario. Bruxelles vuole per questo che tutti i documenti dei Paesi membri abbiano caratteristiche estetiche e di sicurezza comuni, come già accade per i passaporti, che sono esteticamente uguali in tutti gli Stati membri.

La commissione Libertà civili del Parlamento europeo ha approvato con 32 voti a favore, sette contrari e due astenuti le nuove regole che impongono caratteristiche di sicurezza minime comuni in tutta l'Ue per le carte d'identità stabilite dall'Organizzazione per l'aviazione civile internazionale (ICAO). I deputati vogliono poi che le carte d'identità siano blu e contengano la bandiera comunitaria. Per introdurle si chiede la graduale eliminazione delle vecchie carte entro otto anni, eliminando in 5 quelle in carta senza i chip che possono essere letti dai terminali. Al momento sono 26 su 28 i Paesi Ue che rilasciano carte d'identità ai propri cittadini, e il loro possesso è obbligatorio in 15. Le nuove regole si applicherebbero solo a quei 26 Stati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Lo scopo di questa proposta non è solo quello di combattere le frodi ma anche, e soprattutto, facilitare l'esercizio del diritto di circolare liberamente all'interno dell'Ue rendendo i documenti di identità nell'Unione europea più affidabili e più ampiamente accettati”, ha dichiarato la relatrice del testo, il liberale belga Gérard Deprez. “Oltre alla loro identità nazionale, i cittadini hanno quella che potrebbe essere definita una 'cittadinanza europea' che dà loro protezione e diritti: è per questo che ho proposto nel mio rapporto di rendere blu tutte le carte d'identità e di includere la bandiera dell'Ue sulle carte”, ha aggiunto Deprez. Il testo dovrà essere ora approvato dalla Plenaria e poi discusso con gli Stati membri in Consiglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento