menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 EPA/ANTHONY ANEX

EPA/ANTHONY ANEX

Il Canada ha legalizzato la vendita e il consumo ricreativo della marijuana

Il Paese segue le orme dell'Uruguay, il possesso sarà consentito fino a 30 grammi. Il premier Trudeau: "Così riduciamo massicciamente i profitti del crimine organizzato"

Buone notizie per i fumatori di marijuana, un altro Stato ha deciso di unirsi a quelli che non considerano il consumo di questa sostanza come un crimine. Il Canada è diventato il secondo paese al mondo (e il più grande) a legalizzare la vendita e il consumo a scopo ricreativo dell'erba. Il Cannabis Act era una promessa elettorale fatta dal presidente Justin Trudeau nel 2015 al Paese in cui l'uso medico della sostanza è già consentito dal 2001. Solo l'Uruguay, con una normativa del 2013, ha preceduto il paese nordamericano, sulla via della legalizzazione. L'applicazione della legge promessa nel 2015 e approvata la scorso giugno dal Parlamento canadese sarà valutata prima delle prossime elezioni del 2019, in modo che si possa verificare se sia stata o meno un successo. Il Canada dovrebbe anche perdonare le persone con condanne per aver posseduto fino a 30 grammi di marijuana, che è la nuova soglia legale, con un annuncio formale previsto per mercoledì.

"La legalizziamo per togliere profitti alla criminalità"

Trudeau ha ammesso nel 2013 di aver fumato cannabis cinque o sei volte nella sua vita. Tra queste, dopo una cena in cui festeggiava con amici la sua elezione al Parlamento. Tuttavia il primo ministro ha escluso di volersi avvantaggiare della nuova legge. All'agenzia France Presse il suo ufficio ha dichiarato che il premier "non intende comprare o consumare cannabis una volta legalizzata". "Noi non legalizziamo la marijuana perché pensiamo che faccia bene alla nostra salute. Noi lo facciamo perché sappiamo che non è buona per i nostri figli", ha detto il primo ministro Justin Trudeau alla vigilia della riforma. "Noi sappiamo di dover fare un migliore lavoro per proteggere i nostri figli e per eliminare e massicciamente ridurre i profitti del crimine organizzato", ha spiegato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento