Partite truccate e compravendite calciatori: scoppia la "Calciopoli europea"

Lo scandalo partito dal Belgio riguarda anche altri 6 Paesi. Obiettivo principale dell’indagine l’agente Mogi Bayat. Anderlecht e Standard Liegi tra le società nel mirino

L'allenatore dell Standard preud'homme, il suo tra i contrarri su cui gli inquirenti stanno facendo accertamenti. Foto ansa EPA/JULIO MUNOZ

Un vero e proprio terremoto e’ scoppiato nel campionato belga che sta vivendo quello che sembra l’inizio della sua ‘Calciopoli’. Più della metà dei club del campionato di prima divisione, La Pro league, 10 club su 16, è finita sotto la lente della magistratura. L'inchiesta riguarda l’ipotesi di esistenza di un’organizzazione criminale dedita al riciclaggio di denaro e alla corruzione all’interno del campionato.

Gli investigatori stanno cercando di accertare eventuali frodi nei trasferimenti di calciatori e alcuni media parlano anche di partite truccate lo scorso anno. La polizia ha effettuato 44 perquisizioni, e altre 13 in altri 6 Paesi europei: Francia, Lussemburgo, Cipro, Montenegro, Serbia e Macedonia. Secondo quanto riferito in una nota della procura, "numerose persone sono state fermate e sono sotto interrogatorio".

La procura federale ha confermato ad Afp che il noto agente Mogi Bayat, ex manager dello Sporting Charleroi e obiettivo principale dell'indagine, è stato arrestato ed e’ ai domiciliari. Per il quotidiano 'Le Soir', la polizia ha sequestrato i contratti che coinvolgevano i giocatori Obbi Oulare, Dino Arslanagic e dell’allenatore Michel Preud’homme, tutti collegati a Bayat e i pubblici ministeri hanno confermato gli arresti di Herman Van Holsbeeck, ex manager dell'Anderlecht, l'attuale allenatore del Club Brugge Ivan Leko e gli arbitri Bart Vertenten e Sebastien Delferiere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le squadre coinvolte ci sono anche Standard Liegi, Kortrijk, Genk e Ostenda. Gli uffici dello Standard sono stati perquisiti in cerca di informazioni sui contratti di Oulare e Preud’homme (rispettivamente attaccante e allenatore della squadra) e dell’ex Arslanagic. “Assicurando una stretta collaborazione, lo Standard Liege intende aiutare la giustizia a progredire nella sua indagine e spera che sia fatta completa luce molto rapidamente”, ha affermato la società in una nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento