rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Attualità

“Deputati burattini di Soros”, ma uno di loro è morto: il premier sloveno costretto a scusarsi

Janez Jansa, presidente di turno del Consiglio Ue, pubblica un’infografica coi suoi nemici al Parlamento europeo. L'Olanda convoca l'ambasciatore di Lubiana

Rutte contro Jansa. Si è trasformato in un incidente diplomatico il tweet che ieri pomeriggio aveva scatenato un coro di critiche. Janez Jansa, premier sloveno e presidente di turno del Consiglio Ue, si è scagliato contro una serie di politici, gran parte dei quali olandesi, accusandoli di essere “burattini di Soros”. “Si trovano al Parlamento europeo”, recitava il suo tweet poi rimosso poche ore dopo. Nella lista di proscrizione del premier sloveno è finito anche Hans van Baalen, politico olandese deceduto lo scorso 29 aprile. 

Un attacco che non è piaciuto per niente a premier olandese Mark Rutte, il quale ha condannato “con la massima fermezza” il “tweet di cattivo gusto”. “Il Governo (olandese, ndr) ha appena trasmesso questo sentimento all'ambasciatore sloveno all’Aia”, ha aggiunto il premier liberale annunciando la convocazione del diplomatico di Lubiana. Fonti diplomatiche olandesi hanno poi confermato lo scontro.

FBqHdRKXIAE9a41-2

L’attacco di Jansa prende di mira il network di presunte amicizie di George Soros, uomo d’affari ungherese e naturalizzato statunitense, nonché fondatore dell’Open Society, una rete di organizzazioni che promuovono una società aperta e in difesa dei diritti delle minoranze e per lo sviluppo della democrazia nell’Est Europa. Un’area di interesse che si è scontrata più volte negli ultimi anni con i politici più popolari del Gruppo di Visegrad formato da Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia. La Slovenia si è recentemente allineata alle posizioni anti-Soros sotto la leadership di Jansa.

Le reazioni

“Chiediamo urgentemente a Janez Jansa di cessare le provocazioni contro i membri del Parlamento europeo”, è stata la risposta a caldo del presidente dell’Eurocamera David Sassoli. “Gli attacchi ai membri di questa casa - ha aggiunto Sassoli in un tweet sono anche attacchi ai cittadini europei”. Il presidente ha inoltre sottolineato che per avere “una collaborazione costruttiva con la presidenza di turno del Consiglio Ue” occorrono “la fiducia e il rispetto reciproci”.

L’uscita di Jansa, secondo Fabio Massimo Castaldo del Movimento cinque stelle “è semplicemente vergognosa”. “Esprimiamo solidarietà e vicinanza ai colleghi vittime di questa vile e ignobile propaganda”, ha aggiunto l’eurodeputato. “L’attuale ruolo che Jansa ricopre, la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea, suggerirebbe una cautela istituzionale che il premier sloveno purtroppo non possiede”, ha sottolineato Castaldo. “Inoltre - ha fatto notare il pentastellato - spiace il mancato rispetto per chi non c’è, visto che nella vignetta pubblicata compare il volto dell’ex europarlamentare olandese Hans van Baalen, deceduto lo scorso 29 aprile”. “A Jansa non resta che scusarsi per quella che vorremmo fosse solo una gaffe, ma che temiamo possa invece nascondere posizioni ben diverse e ben più gravi”, ha concluso Castaldo.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Deputati burattini di Soros”, ma uno di loro è morto: il premier sloveno costretto a scusarsi

Today è in caricamento