rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cospirazionismo / Belgio

Bruxelles capitale dei movimenti no-vax: chi sono i leader della rete europea anti-vaccino

In città cinque manifestazioni negli ultimi due mesi, a indirizzare la lotta la Children’s Health Defense di Robert F. Kennedy, Jr

La manifestazione contro le restrizioni legate alla pandemia e contro i vaccini sono ormai un appuntamento costante a Bruxelles. Nella capitale del Belgio e dell'Europa ce ne sono state cinque solo negli ultimi due mesi e l'ultima ha visto scendere in strada ben 50mila persone, provenienti da tutta Europa, con ramificazioni fino agli Stati Uniti. 

A organizzare le manifestazioni è la Europeans United, associazione presieduta dal fiammingo, Tom Meert, ma a livello mondiale il leader è sicuramente Robert "Bobby" F. Kennedy Jr., il figlio di Robert "Bobby" Kennedy e nipote del presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy, entrambi assassinati negli anni '60. Anche in Italia è ormai ben conosciuto ed è considerato una delle personalità di spicco del movimento no-vax. La sua Children’s Health Defense è tra le sigle che sostengono le proteste e suoi membri sono gli altri 'maître à penser' del movimento.

Sul palco ad arringare la folla ce n'erano non a caso diversi, tra cui Reiner Fuellmich, un avvocato tedesco che siede nel comitato consultivo della sezione europea del Children's Health Defense. L'uomo si batte per la costituzione di un cosiddetto tribunale di Norimberga 2.0, una continuazione a suo avviso ideale del tribunale che condannò i crimini del nazismo, per condannare tutti coloro che avrebbero contribuito a un “omicidio di massa mondiale” fatto attraverso le dosi.

Come ricostruisce il canale fiammingo Vrt tra le altre personalità di riferimento ci sono Austin Fitts, donna che è stata, tra le altre cose, vicesegretario allo sviluppo urbano nell'amministrazione dell'ex presidente degli Stati Uniti George Bush alla fine degli anni '80, anche lei è nel comitato consultivo dell'organizzazione, ed è una delle persone intervistate nel film "Planet Lockdown", un documentario che promuove teorie del complotto, bannato da Facebook e YouTube.

C'è poi Markus Haintz è un avvocato tedesco che faceva parte del movimento tedesco "Querdenk", un movimento che attrae molte persone di diversa estrazione, dai teorici della cospirazione agli estremisti di destra. L'uomo ha più di ha più di 108mila follower su Telegram e nelle sue arringhe fa spesso riferimento alle teorie di Qanon, il movimento cospirazionista che crede all'esistenza di una rete di pedofili e satanisti che sarebbe all'origine delle scelte dei leader mondiali.

C'è infine Vera Sharav. Nata nel 1937 in Romania ma che ra vive negli stati Unito, suo padre fu una delle vittime dell'Olocausto. Da anni conduce campagne contro l'industria medica, e nei suoi discorsi 9i paragoni tra la gestione della pandemia e il nazismo sono una costante.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruxelles capitale dei movimenti no-vax: chi sono i leader della rete europea anti-vaccino

Today è in caricamento