Tolto l'obbligo di mascherine all'aperto, ma adesso Bruxelles chiude bar e caffè per un mese

Da inizio ottobre, nella capitale belga è possibile circolare per strada senza protezione. Il boom dei contagi delle ultime ore ha costretto il governo regionale a cambiare rotta. Anche se i ristoranti continuano a restare aperti

Un pub a Bruxelles

Appena una settimana fa, nel Paese era stato tolto l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto: "Bisogna convivere con il virus", aveva spiegato l'ex premier belga Sophie Wilmes nel giustificare la decisione. Peccato che la convivenza si stia dimostrando più difficile del previsto, almeno a Bruxelles: oggi tra le capitali europee, solo Madrid ha un tasso di contagi più alto, e per tenere sotto controllo le terapie intensive, diversi malati sono stati spostati in ospedali di altre città del Belgio. Una situazione preoccupante che ha spinto il governo regionale, poco prima di mettersi in quarantena a causa di un sospetto caso di Covid-19 tra i suoi membri, ad adottare misure più stringenti. La più dura colpisce i pub, che dall'8 ottobre dovranno chiudere i battenti. Mentre sulle scuole è in programma un incontro con i rappresentanti degli istituti cittadini per decidere il da farsi. 

Insieme ai pub, saranno chiusi anche i caffè e le mense delle società sportive, indipendentemente dal fatto che servano alcolici o meno, nonché le sale per feste ed eventi. Queste chiusure resteranno in vigore per almeno un mese. Inoltre, il consumo di alcolici in pubblico sarà vietato in tutto il territorio della Regione di Bruxelles. Per contro, i ristoranti restano aperti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Una persona su sette testata a Bruxelles risulta positivo", ha detto il presidente regionale Rudi Vervoort nel giustificare le nuove restrizioni. Anche nel resto del Belgio la situazione epidemiologica non lascia sereni, tanto che il governo nazionale ha deciso di attuare alcune misure come la riduzione dei contatti (si potranno invitare al massimo 3 persone a casa) e ha chiesto alle imprese di favorire il telelavoro.   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento