Brexit, Corte Ue conferma: "Il Regno Unito può revocarla e restare nell'Unione"

Secondo i giudici europei, non vi è nessuna norma comunitaria che lo impedisce. Unico limite quello temporale: c'è tempo fino al marzo 2019.

“Quando uno Stato membro ha notificato al Consiglio europeo la sua intenzione di ritirarsi dall'Unione europea, come ha fatto il Regno Unito, tale Stato membro è libero di revocare unilateralmente tale notifica”. Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue che si è pronunciata su un ricorso presentato da alcuni deputati scozzesi per chiedere un'interpretazione della normativa europea, in particolare dell'Articolo 50 dei Trattati che è stato attivato dal governo di Londra in seguito al risultato del referendum del 23 giugno 2016.

Secondo la sentenza di oggi, che in qualche modo era stata pre-annunciata da un parere dell'Avvocato generale della Corte, la possibilità per il Regno Unito di evitare l'uscita dall'Ue, “esiste fino a quando l'accordo” tra Londra e Bruxelles per la Brexit “non è entrato in vigore” o, in mancanza di tale accordo, “per il periodo di due anni dalla data di notifica dell'intenzione di ritirarsi dall'Ue”. In sostanza, con questa sentenza, se il Parlamento britannico non voterà l'accordo, il governo britannico avrà tempo fino al marzo 2019 per tornare sui suoi passi, ossia entro i due anni da quando la premier Theresa May ha notificato l'intenzione del suo Paese di lasciare l'Unione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'eventuale revoca della Brexit, dice ancora la Corte, “deve essere decisa seguendo un processo democratico in conformità con i requisiti costituzionali nazionali. Questa decisione inequivocabile e incondizionata deve essere comunicata per iscritto al Consiglio europeo”. Parole che aprono la porta alla possibilità di un nuovo referendum. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento