Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità

Niente stop ai brevetti e poche dosi di vaccino inviate: abbiamo "abbandonato" i Paesi poveri

Il continente africano rappresenta attualmente il 25% della domanda globale di tutti i tipi di vaccini, ma produce solo l'1% di quelli che consuma. E intanto nelle nazioni ricche le fiale si buttano

Vaccinazioni a Johanesburg in Sudafrica - foto Ansa EPA/Kim Ludbrook

In Africa sono stati registrati più di sette milioni di casi di coronavirus e 180mila decessi, anche se la maggior parte dei ricercatori ritiene che le cifre reali siano molto più alte. La risposta alla pandemia nel continente è stata migliore di quanto ci si aspettasse, grazie agli sforzi guidati dal recentemente creato Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie dell'Unione africana, che ha da subito consigliato misure di distanziamento sociale e di prevenzione.

Ma la lotta alla diffusione del Covid-19 è stata comunque solo parziale perché il continente è rimasto a corto di vaccini a causa della solidarietà internazionale che ha tardato, e sta ancora tardando, a manifestarsi in maniera concreta ed efficace. Le disparità tra ricchi e poveri si sono manifestate ancora una volta, anche in questa crisi, in maniera evidente. Secondo un'analisi del New Statesman, oltre l'ottanta per cento delle dosi di vaccini contro il Covid-19 sono state somministrate in Paesi a reddito medio-alto e alto, mentre solo lo 0,3 per cento è stato finora destinato ai quelli poveri. E gli africani completamente vaccinati sono in proporzione meno rispetto agli abitanti di qualsiasi altro continente: solo l'1,6%, rispetto al 49,2% negli Stati Uniti e al 48,9% nell'Ue.

Covax, il programma di condivisione dei vaccini guidato dall'Oms e sostenuto dall'Ue, avrebbe dovuto consegnare circa 237 milioni di dosi a 142 paesi, molti dei quali in Africa, entro maggio di quest'anno. Invece, finora sono state recapitate solo 196 milioni di dosi, secondo Gavi, un'organizzazione sanitaria globale che mira a rafforzare l'immunizzazione nei Paesi in via di sviluppo. L'organizzazione continua a sperare che che Covax possa inviare 1,9 miliardi di dosi entro la fine dell'anno, mancando solo di poco l'obiettivo originale di 2 miliardi, ma a settembre servirà un cambio di marcia.

Uno dei problemi è che l'Africa non ha le strutture e il know how per produrre da sola le dosi di cui ha bisogno. E così se il continente rappresenta attualmente il 25% della domanda globale di tutti i tipi di vaccini, produce solo l'1% di quelli che consuma. Ciò rende la sicurezza sanitaria del continente fortemente dipendente dalla disponibilità di vaccini in eccesso nei Paesi più ricchi e dalla volontà dei governi e delle aziende farmaceutiche di dare una mano. Ma questa volontà non sembra manifestarsi affatto, in particolare se si tratta di sospendere i brevetti per facilitare la produzione e la condivisione dei sieri.

I negoziati in sede di Wto per arrivare almeno a una sospensione, una proposta sostenuta, in particolare, dall'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden a maggio, sono finora falliti. La posizione dell'Unione europea è stata chiara, la proprietà intellettuale non si tocca e Bruxelles la considera uno dei motori dell'innovazione. Ma innovazione o meno intanto i vaccini ai Paesi poveri non arrivano, mentre in Europa addirittura si buttano migliaia di dosi che vengono lasciate scadere. Dosi che sarebbero preziosissime in continenti come l'Africa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente stop ai brevetti e poche dosi di vaccino inviate: abbiamo "abbandonato" i Paesi poveri

Today è in caricamento