Boom di sex toys con il lockdown: "Siamo felici di aiutare la gente in questo momento"

Lo segnala il maggiore rivenditore di giocattoli erotici della Danimarca: "Penso che sia naturale che quando passiamo più tempo insieme vogliamo divertirci un po' di più"

Da quando il governo ha deciso di attuare il lockdown per fermare il coronavoris, le vendite di sex toys in Danimarca sono più che raddoppiate. Lo riferisce Sinful, il più grande rivenditore di prodotti erotici nei Paesi scandinavi.

"Mi rende felice che stiamo facendo qualcosa di buono in questo momento difficile in cui le persone si sentono più vulnerabili", ha dichiarato Mathilde Mackowski, co-proprietaria di Sinful. Nella prima settimana di aprile, le vendite di Sinful sono aumentate del 110% in Danimarca, dove si stima che l'aziena gestisca i tre quarti del mercato totale. Il più grande sito web di recensioni di giocattoli erotici del Paese, Eroti.dk, ha dichiarato che il traffico è più che triplicato durante il blocco rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

"Penso che sia naturale che quando passiamo più tempo insieme vogliamo divertirci un po' di più", ha aggiunto Mackowski. "Ci prendiamo cura l'uno dell'altro in questo momento difficile e ciò si riflette anche sulla nostra vita sessuale", ha detto. Il boom di sex toys, secondo Sinful, starebbe riguardando anche il resto dei Paesi scandinavi dove esportano i loro prodotti.  

La notizia del successo di Sinful deve aver aumentato ancora di più le richieste. Tanto che il 7 aprile, come si legge sul sito dell'azienda, le spedizioni sono state momentaneamente sospese.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

  • "In Cina già 1 milione di persone vaccinate dal Covid". Ma il farmaco è ancora in fase sperimentale

Torna su
EuropaToday è in caricamento