rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Attualità

Boom di cocaina in Europa. E l’Italia ha il record di pazienti che chiedono di disintossicarsi

Sono 3,5 milioni gli europei che ne fanno uso. Lo 0,65% della popolazione italiana necessita di trattamenti per uscire dal tunnel della dipendenza. I dati dell’Agenzia Ue delle droghe

Cresce il consumo di cocaina in Europa. Secondo gli ultimi dati disponibili, relativi al 2017, sono 3,5 milioni gli europei che ne fanno uso. Non solo è aumentata la quantità, con un incremento della produzione, ma ha anche "raggiunto il suo livello di purezza più alto del decennio", mantenendo i prezzi stabili. Un fenomeno che tocca da vicino l’Italia, che insieme a Spagna e Regno Unito è il paese Ue con il maggior numero di persone che chiede aiuto per disintossicarsi dalla cocaina. E' quanto emerge dal rapporto annuale pubblicato dall’Agenzia europea delle droghe.

La “rinascita” della cocaina

“In realtà in Europa è aumentata la produzione e la disponibilità di droghe" in generale, fa notare Dimitris Avramopoulos, commissario europeo agli Affari interni, e "il mercato illegale di stupefacenti è molto dinamico e flessibile, e quindi più pericoloso". Secondo lo studio, “oltre 92 milioni di persone di età compresa tra 15 e 64 anni hanno già sperimentato una droga illegale". L'Italia è il terzo Paese in Ue per uso di cannabis e il quarto per uso di cocaina.

La cannabis resta la sostanza illecita più diffusamente consumata in Europa. Nell'ultimo anno ne hanno fatto uso 24 milioni di adulti, e il 20,7% di giovani (15-34 anni) in Italia, percentuale superata solo da quella della Francia (21,5%). Se si considera il tasso di consumo nell'arco della vita, l'Italia è terza con il 33,1%.

La cocaina è invece stata consumata da 3,5 milioni di europei nel 2017. L'uso è molto alto nei giovani britannici (4%), danesi (3,9%) e olandesi (3,7%). In Italia solo l'1,9% dei giovani ne ha fatto uso nell'ultimo anno, ma se si guarda al tasso nell'arco della vita si sale al 6,8%, il quarto dato più elevato dopo Regno Unito (9,7%), Spagna (9,1%) e Irlanda (7,1%).

Italia, record di richieste di disintossicazione

Uno dei dati più preoccupanti che emerge dallo studio riguarda le persone che chiedono aiuto per disintossicarsi: nel 2015, in Italia lo 0,65 % della popolazione adulta necessitava di trattamenti per consumo di cocaina. Un dato più alto della media (0,43% in Spagna, 0,20% in Germania, tanto per citarne due). Non solo: “a Spagna, Italia e Regno Unito sono riconducibili quasi i tre quarti (73 %) di tutte le richieste di trattamento specialistico per dipendenza da cocaina in Europa, e nella Penisola i dati dei centri di trattamento specializzati indicano che nel 2016 la cocaina in polvere è stata la sostanza primaria più comunemente segnalata tra i pazienti che hanno iniziato la terapia per la prima volta, seguita dall’eroina e dalla cannabis”, scrive Eunews.

Altro fenomeno generalmente in aumento è quello della disponibilità di droghe nelle carceri. Nel 2016 circa un quarto dei detenuti era considerato dipendente dalla droga, una proporzione che “è rimasta stabile nel corso degli anni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di cocaina in Europa. E l’Italia ha il record di pazienti che chiedono di disintossicarsi

Today è in caricamento