Il bonus Covid di Trump anche ai cittadini Ue. Ma è un errore

Un centinaio di austriaci hanno ricevuto l'assegno di 1.200 dollari emesso dagli Stati Uniti per sostenere le famiglie colpite dalla pandemia. E lo stesso sarebbe successo in altre parti d'Europa e del mondo. Il tutto per via di un bug amministrativo

Quando Manfred Barnreiter, 73enne in pensione, si è visto consegnare una lettera con un assegno, il tutto etichettato a firma del "presidente Donald J. Trump", ha pensato bene di andare dritto alla sua banca. Dove in effetti ha potuto ricevere i 1.200 dollari del bonus messo a disposizione dal governo degli Stati Uniti per i cittadini colpiti dall'impatto economico della pandemia di Covid-19. Solo che Manfred vive a Linz, in Austria. E negli Stati Uniti vi è stato per qualche tempo, negli anni '60, per lavorare come cameriere. Ma non solo: anche sua moglie ha ricevuto il bonus di Trump. Con la differenza che lei negli Usa non vi è mai stata. 

Il caso di Manfred e sua moglie non è isolato. Stando a quanto ricostruito dalla stampa locale, sono almeno 100 i cittadini austriaci che hanno ricevuto questo assegno, pur non avendone di fatto diritto. E lo stesso sarebbe accaduto ad altri cittadini in altre parti del mondo, tutti accomunati, molto probabilmente, dal fatto di avere lavorato per qualche tempo negli Stati Uniti o di avere un congiunto che lo abbia fatto. Molti assegni, almeno in Austria, sono stati spediti anche a persone decedute da anni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è chiaro l'ammontare totale delle risorse inviate per errore all'estero. Di sicuro, si tratta di un problema di archiviazione dei dati da parte dell'amministrazione pubblica statunitense, e visto che il Paese è da tempo meta di immigrazione, la cifra potrebbe essere consistente. Da un punto di vista legale, spiegano le autorità austriache, è difficile, se in impossibile, che gli Usa ricevano indietro gli assegni. Ma almeno una piccola parte potrebber far ritorno negli States: Manfred e sua moglie, infatti, stanno progettando di fare un viaggio a New York una volta che le restrizioni di viaggio per il coronavirus saranno eliminate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento