rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Il caso / Ucraina

Documenta i bombardamenti a Odessa, e l'Ucraina espelle il giornalista

Il corrispondente della testata olandese Nederlands Dagblad ha denunciato che i poliziotti gli hanno puntato anche le armi contro. Dopo i controlli lo hanno accompagnato al confine

Un giornalista olandese è stato espulso dall'Ucraina per aver documentato i bombardamenti dell'esercito russo a Odessa. Il corrispondente di guerra per Nederlands Dagblad, Robert Dulmers, aveva pubblicato su Twitter la foto dell'impatto di un razzo sulla città costiera, e Kiev lo ha accusato di aver rivelato segreti di Stato, ha riferito il giornale. Regole più severe si applicano ai giornalisti in alcune aree del Paese. A Mykolaiv, ad esempio, i reporter hanno dovuto firmare un documento in cui si affermava che non avrebbero fotografato immagini di rilevanza militare, di strade, case e rifugi antiaerei. Ma niente del genere è stato annunciato per Odesa, ha sottolineato Dulmers, definendosi stupito per la decisione.

Gli aggiornamenti dalla guerra in diretta

Come riporta l'NL Times ieri pomeriggio il cronista è stato portato in una stazione di polizia e, secondo la sua stessa ricostruzione, gli agenti sarebbero stati molto duri con lui. "Mi hanno afferrato mentre ero al telefono con un rappresentante del Ministero degli Affari Esteri olandese. Poi il telefono mi è stato strappato di mano". I poliziotti hanno poi preso il suo passaporto e, quando il corrispondente ha opposto resistenza, gli hanno puntato una pistola contro. "Sono stato tenuto fermo mentre mi stringevano il collo e avevo la pistola puntata alla testa", ha detto Dulmers. In questura gli è stato detto che era "persona non grata" e che aveva perso l'accredito militare per poter lavorare nel Paese.

A quel punto uomini armati lo hanno portato al confine con la Moldavia dove lo hanno lasciato e gli hanno restituito i documenti. Sul passaporto era stato specificato che all'uomo sarà "negato l'ingresso in Ucraina fino al 2032", ha riferito il Nederlands Dagblad. Il giornalista si è recato in Romania, dove sta valutando i suoi prossimi passi, e ha chiesto chiarimenti alle autorità ucraine. Secondo il caporedattore di Nederlands Dagblad, Sjirk Kuijper, "nulla sembra indicare che Dulmers abbia violato le istruzioni o le restrizioni imposte dall'esercito". Kuijper ha anche condannato il modo in cui Dulmers è stato espulso dal Paese, in particolare la violenza usata.

La Ong The Institute of Mass Information (Imi) riporta che il 26 marzo, il Servizio di sicurezza dell'Ucraina avrebbe esortato i giornalisti nazionali e stranieri a non scattare foto e video delle esplosioni, a non diffondere informazioni sui luoghi dei bombardamenti e su dove volano i missili russi fino a quando non lo hanno detto le fonti ufficiali, minacciando anche conseguenze penali. La portavoce dei servizi di sicurezza nella regione di Leopoli, Roksolana Yavorska, aveva spiegato in un briefing sul bombardamento della città che sia i servizi di sicurezza che il ministero della Difesa hanno "chiesto ripetutamente” di “”non scattare foto o video”. “Abbiamo una popolazione civile, le persone potrebbero essere uccise a causa delle pubblicazioni, delle trasmissioni in diretta”, che aiuterebbero “il nemico a regolare il suo fuoco", aveva detto la portavoce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Documenta i bombardamenti a Odessa, e l'Ucraina espelle il giornalista

Today è in caricamento