Caro-bollette, il caso arriva a Bruxelles: "Viola le norme Ue"

Un'interrogazione di sei eurodeputati Pd chiede alla Commissione europea di intervenire per verificare se i rincari per compensare le perdite degli operatori sia conforme alle direttive comunitarie. "Proteggere i consumatori italiani"

ANSA/ARCHIVIO/FOLCO LANCIA/DRN

Bruxelles accenda la luce: la questione delle bollette dell'elettricità non pagate e che verrebbero recuperate, in futuro, dai distributori gravando su tutti i consumatori sotto forma di aumenti arriva alla Commissione Ue. Un gruppo di 6 eurodeputati PD guidati da Isabella De Monte ha infatti inviato un'interrogazione scritta all'esecutivo comunitario, chiedendo un suo intervento sulla questione che sta invadendo il web, anche con notizie false.

"Inaccettabile scaricare gli oneri dei fornitori sui consumatori"

“Scaricare sui consumatori gli oneri dei fornitori di energia elettrica è inaccettabile - si legge in una nota inviata dall'eurodeputata - chiediamo quindi alla Commissione europea di intervenire a tutela dei consumatori italiani. Perché non si tratta di una fake news. Non si può fare cassa accanendosi su chi è in regola con i pagamenti: è iniquo".

Verificare se la delibera Arera con violi norme Ue 

I firmatari chiedono a Bruxelles di verificare "se la delibera dell’Arera non violi quanto disposto dalla Direttiva 2009/72/CE, relativa a norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica" e, inoltre, come intenda procedere "per salvaguardare i diritti dei consumatori".

La direttiva 2009/72/CE stabilisce norme comuni per la generazione, la trasmissione, la distribuzione e la fornitura dell’energia elettrica, unitamente a disposizioni in materia di protezione dei consumatori al fine di migliorare e integrare i mercati competitivi dell’energia elettrica nella Ue. Secondo De Monte, la delibera dell'Arera crea "un meccanismo fortemente lesivo dei diritti dei consumatori, contro il quale chiediamo alla Commissione Ue di intervenire”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'interrogazione si basa sullo studio giuridico realizzato da Barbara Puschiasis, Presidente dell’associazione Consumatori Attivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento