menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Ue vuole bloccare l'ingresso di britannici in Europa per fermare la variante Covid inglese

Sul tavolo dei governi la proposta della Germania che vuole la chiusura dei confini per tutti i Paesi con ceppi mutati di Covid-19 fino a quando la situazione non migliorerà

Per fermare la diffusione del ceppo mutato del coronavirus che si è sviluppato nel Regno Unito, ai britannici potrebbe essere impedito di entrare nei Paesi membri, anche se con un test negativo o se si impegnano ad andare in quarantena. Sarebbe questa la proposta della Germania di Angela Merkel che verrà sottoposta oggi alle altre nazioni del blocco nel Consiglio europeo che si svolgerà in video conferenza.

La proposta

"Laddove gli Stati membri lo ritengano necessario per proteggere la salute pubblica, sono liberi di imporre divieti temporanei all'ingresso e al trasporto di passeggeri che entrano da Paesi non Ue con aree con varianti virali", afferma il testo della risoluzione, secondo quanto riporta il Times che ha potuto vederla. "Vediamo un'urgente necessità di agire per prevenire o almeno rallentare la diffusione di preoccupanti varianti di virus verso e all'interno dell'area dell'Ue", e "solo se gli Stati membri intraprendono un'azione congiunta e coordinata, il virus può essere contenuto efficacemente", afferma ancora il testo secondo quanto riportato dal quotidiano britannico. La Germania però vorrebbe evitare un impatto sul trasporto merci e sul commercio, visto anche il caos crealo a dicembre dalle misure di blocco imposte dalla Francia, quando la variante inglese fu scoperta, e per questo "in tutti questi sforzi, devono essere garantite le catene di approvvigionamento essenziali e l'integrità del mercato interno, in particolare del trasporto transfrontaliero di merci e forniture".

Le varianti del Covid

La variante inglese del Covid 19 è ritenuta più pericolosa in quanto permetterebbe al virus di diffondersi più velocemente anche se non in maniera più letale. Si tratta solo di una delle varianti che si sono sviluppate negli ultimi mesi. Altre due che stanno creando grandi preoccupazioni sono quella sudafricana e quella brasiliana. Entrambe sono ritenute pericolose perché alcuni segnali fanno pensare che potrebbero essere resistenti al vaccino, cosa che al momento, a quanto pare, non dovrebbe accadere con il ceppo inglese. Ma gli scienziati su questo non sono ancora sicuri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento