Sabato, 13 Luglio 2024
Crisi migratoria / Libano

Mamma e bimbo morti abbracciati in fondo al mare e ritrovati dal sottomarino umanitario

Il naufragio avvenuto 4 mesi fa. Una ong australiana, AusRelief, sta cercando di dare risposte alle famiglie dei dispersi

Sul fondo blu del Mediterraneo, al largo delle coste del Libano settentrionale, è stato trovato il corpo di un bambino abbracciato alla madre. Sono due delle vittime del naufragio avvenuto lo scorso 24 aprile, a largo delle coste del Libano. I corpi sono stati ritrovati assieme a quelli di altri 8 migranti dal sottomarino dell'Ong australiana AusRelief, giunta sul posto per dare risposte alle famiglie dei dispersi, risposte che lo Stato libanese non ha ancora fornito.

"C'era una donna giù in fondo, il cui corpo è rimasto incastrato a metà fuori da un oblò, mentre teneva in braccio suo figlio. Ci ha spezzato il cuore", ha detto Tom Zreika, uno dei soccorritori, citato stamani dai media libanesi L’incidente è avvenuto quattro mesi fa. A bordo dell’imbarcazione, progettata per trasportare massimo una dozzina di persone, si trovavano circa 80 migranti libanesi, siriani e palestinesi, di cui 40 sono stati salvati, sette sono stati confermati morti e una trentina sono ancora dispersi. Le famiglie dei dispersi speravano che il sottomarino avrebbe rivelato la sorte dei loro cari e come il battello fosse affondato.

Ma la missione del Piscis VI, il sottomarino di ricerca, è stata interrotta dopo che l'esercito libanese ha informato AusRelief di possibili rischi per la sicurezza, ha dichiarato alla Reuters Zreika. Ora temono che i corpi rimangano sommersi per sempre, insieme alle potenziali prove. Sebbene sia ancora in corso un'indagine da parte delle autorità libanesi sull'incidente, poche famiglie si aspettano che giunga a una conclusione equa, sottolineando la profonda sfiducia popolare nei confronti del sistema giudiziario e delle istituzioni statali libanesi. Secondo i residenti, l'aggravarsi della disperazione e del disagio economico nell'impoverita regione settentrionale del Libano, da cui è partito il barcone di migranti, spingerà sempre più persone a intraprendere pericolosi viaggi in mare alla ricerca di una nuova vita in Europa.

Il numero di persone che lasciano o tentano di lasciare il Libano via mare è quasi raddoppiato nel 2021 rispetto al 2020 ed è aumentato di oltre il 70% nel 2022 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, ha dichiarato l'agenzia Onu per i rifugiati in un'e-mail a Reuters. La situazione nel Mediterraneo si fa sempre più tesa. L'Ocean-Viking, nave umanitaria di SOS Méditerranée, che da mercoledì ha effettuato dieci operazioni di salvataggio, é bloccata in mare da oltre una settimana in attesa dell'assegnazione di "un porto sicuro" per sbarcare le 466 persone soccorse. "Molti di loro sono stremati da un viaggio migratorio lungo e difficile, dalle sofferenze in Libia e dal trauma di una pericolosa traversata nel caldo torrido", ha scritto l'ong in una dichiarazione all'Agence France-Presse (AFP).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mamma e bimbo morti abbracciati in fondo al mare e ritrovati dal sottomarino umanitario
Today è in caricamento