I big del petrolio scommettono sulla plastica: cittadini e Governi incapaci di farne a meno

Nonostante la volontà di ridurre l’usa e getta, i consumi crescono in tutto il mondo, trainati dai Paesi in via di sviluppo. Ma gli analisti avvertono: “L’economia circolare invertirà il trend”

Calo del prezzo del petrolio e crollo dei consumi di carburante durante i mesi più acuti della crisi del coronavirus hanno convinto i grandi produttori di 'oro nero' a scommettere sulla plastica, puntando sull’incapacità di Governi e consumatori di rinunciare agli articoli usa e getta. È quanto emerge da uno studio di Carbon Tracker, think tank finanziario sull’impatto della transizione energetica dalle fonti fossili a quelle rinnovabili. 

Nonostante il trend in crescita del comparto, gli studiosi ritengono “probabile” che “la domanda di plastica raggiunga il picco quando il mondo inizierà a passare da un sistema di plastica lineare a uno circolare e i Governi agiranno per raggiungere gli obiettivi climatici”. “L’implicazione - aggiungono gli esperti - è il picco della domanda di petrolio e centinaia di miliardi di dollari di spese bloccate per il settore petrolchimico”.

Le materie plastiche attualmente rappresentano meno del 9% della domanda globale di petrolio. Ma secondo gli analisti la crescita della domanda di greggio degli ultimi anni è dovuta soprattutto all’aumento della produzione di plastica. L'industria ora prevede di investire almeno 400 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni per aumentare del 25% l’offerta delle cosiddette plastiche vergini, quelle non riciclate e con delle caratteristiche che la rendono adatta a specifici prodotti.

Guardando ai consumi attuali, la strategia dei big dei carburanti di puntare sul settore petrolchimico sembra più che giustificata. La produzione di plastica è infatti aumentata di circa il 4% ogni anno dal 2000 a oggi e il rapporto afferma che la maggior parte delle aziende del settore si aspetta che il trend in crescita continui, con gli Stati in via di sviluppo a fare da traino nei consumi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L'industria della plastica, nella sua previsione di un raddoppio della domanda nei prossimi 10-20 anni, sta scommettendo sul fatto che la società non riuscirà a trovare alcuna soluzione per ridurre, sostituire o riciclare la plastica”, sostiene Kingsmill Bond, autore del rapporto. Una prospettiva “irragionevole”, denuncia l’analista all’agenzia Afp, che permetterebbe all’industria “di continuare a fare per i prossimi 50 anni quello che hai fatto negli ultimi 70 anni”, ovvero “inquinare impunemente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento