rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Lo scontro / Bielorussia

"La Bielorussia sta di nuovo spingendo migranti in Europa"

Varsavia accusa Minsk di favorire gli attraversamenti irregolari in Polonia al fine di destabilizzare il confine e ha inviato altri mille soldati. Il Paese ex sovietico sta anche conducendo esercitazioni militari vicino alla frontiera

La Polonia accusa Bielorussia e Russia di aver orchestrato una nuova ondata migratoria con l'obiettivo di destabilizzare il confine polacco al confine orientale dell'Unione europea. Il ministero della Difesa di Varsavia ha deciso per questo di inviare ulteriori truppe al confine con il Paese governato da Alexander Lukashenko, dopo che il servizio di guardia di frontiera ha chiesto di inviare altri mille soldati al confine, in seguito all'aumento dei tentativi di attraversare illegalmente la frontiera. "Si tratta di un'operazione organizzata dai servizi speciali russi e bielorussi, che sta diventando sempre più intensa", ha dichiarato il vice ministro degli Interni polacco Maciej Wasik. I servizi bielorussi si sono trasformati in "un normale gruppo criminale che organizza l'immigrazione clandestina", ha aggiunto il comandante in capo della Guardia di frontiera polacca, il generale Tomasz Praga. "Naturalmente ne traggono enormi profitti", ha detto alla stampa.

Secondo lui, dall'inizio dell'anno 19mila migranti hanno cercato di entrare in Polonia, rispetto ai 16mila del 2022. "Il record è stato battuto a luglio, quando più di 4mila persone hanno cercato di attraversare il confine". Tuttavia, secondo Wasik, la situazione al confine "non è così caotica oggi come due anni fa", quando i tentativi di attraversare il confine avvenivano "senza la partecipazione delle guardie di frontiera bielorusse". Dall'estate del 2021, migliaia di migranti e rifugiati, provenienti soprattutto dal Medio Oriente, hanno attraversato o tentato di attraversare il confine polacco.

L'Occidente ha accusato il regime di Minsk di aver orchestrato questo afflusso con il suo alleato russo, come parte di un attacco "ibrido", che Minsk nega. In risposta, la Polonia ha chiuso il confine ai non residenti, compresi gli operatori umanitari e i media, per nove mesi. Ha inviato migliaia di soldati e poliziotti, ha costruito una barriera metallica dotata di apparecchiature elettroniche e ha approvato una legge che autorizza il respingimento dei migranti, una pratica condannata dalle organizzazioni internazionali e dai tribunali.

A peggiorare la situazione il fatto che la Bielorussia ha iniziato anche delle esercitazioni militari vicino al confine con Polonia e Lituania, mentre si acuiscono le tensioni con i due membri della Nato dovute al fatto che i mercenari Wagner si siano trasferiti nel Paese ex sovietico dopo l'ammutinamento di giugno nella Russia di Vladimir Putin. L'esercito bielorusso ha dichiarato di utilizzare attivamente i mercenari russi per addestrare le proprie truppe e le esercitazioni sono iniziate in concomitanza con l'arrivo di altri combattenti wagneriani nel Paese. I mercenari arrivano in piccoli gruppi ogni giorno, secondo Belaruski Hajun, un gruppo di attivisti che segue i movimenti delle truppe nella nazione. Grey Zone, un blog legato a Wagner su Telegram, ha riferito lunedì che circa 7mila combattenti Wagner si troverebbero in un campo vicino ad Asipovichy, una città a 230chilometri a nord del confine ucraino, ma non ci sono conferme indipendenti dell'affermazione.

Il corridoio di Suwalki che porta a Kaliningrad, il luogo più pericoloso per l'Europa

Il ministero della Difesa bielorusso ha dichiarato che le esercitazioni militari iniziate lunedì si basano sull'esperienza dell'"operazione militare speciale", il termine che la Russia utilizza per l'invasione dell'Ucraina, e che comprendono "l'uso di droni e la stretta interazione tra unità di carri armati e di fucili motorizzati e unità di altri reparti delle forze armate". Le operazioni si stanno svolgendo nella regione di Grodno, vicino al cosiddetto Corridoio Suwalki, una striscia di terra scarsamente popolata che corre per 96 chilometri lungo il confine tra Polonia e Lituania e che separa la Bielorussia da Kaliningrad, un'enclave russa pesantemente militarizzata sul Mar Baltico che non ha alcun collegamento terrestre con il resto della Federazione.

Continua a leggere su Europa.Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Bielorussia sta di nuovo spingendo migranti in Europa"

Today è in caricamento