rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
L'attacco / Ucraina

Biden: "Putin un tiranno, non può restare al potere"

Il leader statunitense in Polonia ha alzato i toni dello scontro verbale chiamando il leader russo anche "macellaio". La Casa Bianca però poi ha corretto il tiro: "Non chiedeva cambio di regime"

Il presidente russo, Vladimir Putin, è "un dittatore che vuole ricostruire un impero" e "un tiranno" che "non può rimanere al potere". È l'attacco lanciato dal presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, che oggi ha alzato i toni dello scontro con la Russia, con dichiarazioni infuocate durante la sua visita in Polonia, ultima tappa del suo tour europeo.

Parole che hanno fatto pensare a una richiesta di cambio di governo, ma che poi sono state smorzate dalla stessa Casa Bianca. "Non stava parlando di un cambio di regime in Russia", ha precisato un portavoce secondo cui "il punto del presidente era che a Putin non può essere concesso di esercitare potere sui vicini e sulla regione”. Decidere chi deve governare a Mosca “è solo una scelta dei cittadini della Federazione russa", era stato il commento del portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. In questa offensiva retorica sempre in giornata Biden aveva definito Putin un “macellaio” durante un incontro con i profughi fuggiti a Varsavia per mettersi in salvo dalla guerra in Ucraina.

Il presidente degli Stati Uniti è al termine di una tre giorni di incontri in Europa in cui ha partecipato ai vertici d G7, Nato e al Consiglio europeo a Bruxelles, volti a costruire un approccio unitario per contrastare Putin e al fianco dell'Ucraina di Volodymir Zelensky. All'inizio della giornata, Biden ha partecipato a un incontro che i ministri degli esteri e della difesa ucraini hanno tenuto con funzionari statunitensi. "Il presidente Biden ha affermato che ciò che sta accadendo in Ucraina cambierà la storia del 21esimo secolo e che lavoreremo insieme per garantire che questo cambiamento sia a nostro favore, a favore dell'Ucraina, a favore del mondo democratico", ha affermato il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba.

Dopo un incontro separato con il presidente polacco Andrzej Duda, Biden ha ribadito il "sacro" impegno di Washington per le garanzie di sicurezza all'interno dell'Alleanza atlantica, di cui la Polonia è membro. “Un criminale vuole dipingere l'allargamento Nato come un progetto imperialista che punta a destabilizzare la Russia. Niente di più lontano dalla verità. La Nato è un'alleanza difensiva", ha rivendicato Biden, parlando alla folla riunita per il suo discorso di fronte al castello reale nella capitale polacca. Il presidente ha poi assicurato che le forze americane "non sono in Europa per entrare in conflitto con quelle russe. Le forza americane sono qui per difendere gli alleati Nato". "Non provate a invadere un singolo centimetro del territorio Nato", ha poi avvertito Biden, che però poi ha ribadito che i soldati a stelle e strisce non andranno in Ucraina, perché non è un Paese dell'Alleanza atlantica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biden: "Putin un tiranno, non può restare al potere"

Today è in caricamento