menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA / CIRO FUSCO

ANSA / CIRO FUSCO

Berlusconi “rilancia” Tajani premier: “Sarebbe ideale”

Prima vera apertura del Cavaliere all'ipotesi di un governo guidato dall'attuale presidente del Parlamento Ue: "Con lui rapporto ideale, ma non è ancora parlato con Salvini e Meloni"

Pochi giorni fa a Bruxelles, hanno incontrato insieme il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker. Chissà se c'è anche quell'incontro alla base della prima vera apertura di Silvio Berlusconi all'ipotesi di un governo guidato dall'attuale presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani: “Se fosse possibile averlo come premier sarebbe un'ottima scelta”, ha detto il Cavaliere ai microfoni della radio Rtl 102.5.

"Rapporto con me ideale"

Certo, da qui alle nomination ne deve ancora passare di acqua sotto il ponte: “primum vincere, le elezioni, e poi dire chi sarà il presidente del Consiglio per il centrodestra”, ha avvisato Berlusconi. Ma qualche idea comincia a emergere. E sembra un po' più netta di quelle emerse finora: Tajani, ha detto il Cavaliere, è "una persona molto stimata a livello europeo", le cui prese di posizione sui vari temi "sono impeccabili", con in più "un rapporto di lavoro con me ideale". 

Altre due idee in serbo

“Abbiamo altre due idee in serbo", ha spiegato ancora Berlusconi, che ha anche aggiunto di non aver “approfondito il tema" con i due alleati Salvini e Meloni. "Penso valga la pena prima vincere le elezioni e poi parlare di questo", ha ribadito. Resta il fatto, comunque, che finora il Cavaliere aveva allontanato l'ipotesi di Tajani premier, dichiarando pubblicamente l'importanza di avere un punto di riferimento come lui a Bruxelles. Se qualcosa è effettivamente cambiato o se si tratta solo di pre-tattica in attesa del voto saranno per l'appunto le urne a svelarlo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento