rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
C'è chi dice no / Russia

La battaglia dei poliziotti russi licenziati perché si sono rifiutati di invadere l'Ucraina

Alcuni membri delle forze speciali Omon, solitamente impiegate nelle manifestazioni, sono stati cacciati dopo il rifiuto di partire ma hanno fatto ricorso: "Non voler uccidere è un diritto"

In Russia c'è chi dice no all'invasione, anche tra i membri delle unità di Mosca. Un gruppo di 12 poliziotti delle forze speciali Omon, che di solito vengono impiegate in assetto antisommossa durante le manifestazioni di piazza ma che hanno anche un addestramento paramilitari, si è rifiutato di partecipare all'invasione dell'Ucraina. Per questi gli agenti sono stati licenziati, ma ora stanno portando avanti una battaglia legale per il diritto a “non uccidere”.

Gli aggiornamenti dalla guerra in diretta

A raccontare la loro storia è stato Krasnodar Mikhail Benyash, un avvocato del gruppo internazionale per i diritti umani Agora, che sta seguendo il loro caso in Tribunale. La questione “è molto semplice. Loro non vogliono uccidere ed essere uccisi”, e anche il loro “contratto riguardava altre cose”, l'unità Omon “ha una funzionalità diversa” rispetto all'esercito e i suoi componenti “non sanno sparare dai sistemi terra-aria, non sanno guidare i carri armati”, ha detto Benyash in un'intervista al media russo indipendente Meduza. “Dovrebbero andare contro l'esercito regolare. E con cosa, con uno sfollagente e uno scudo? Il loro compito è disperdere i manifestanti, e hanno fatto sempre un ottimo lavoro. Ma questa è un'altra cosa”, ha aggiunto. L'unità Omon della regione di Krasnodar, nella Russia meridionale, a quanto pare era stata schierata in quella che pensavano fosse un'esercitazione in Crimea, ma poi le è stato ordinato di attraversare il confine con l'Ucraina il 25 febbraio, il giorno dopo che Vladimir Putin ha lanciato l'invasione del Paese.

Dodici degli uomini dell'unità si sono rifiutati di partire, ma a quanto pare non erano i soli nella nazione, e altri avrebbero fatto lo stesso da altre parti del Paese. Benyash ha affermato di aver ricevuto circa 200 richieste di assistenza legale “dalla Siberia al Caucaso settentrionale”, di altri agenti licenziati per essersi rifiutati di partire. “Voglio che gli altri combattenti sappiano che rifiutarsi di uccidere le persone non è un crimine. Non è vergognoso. Va bene. Se una persona dice 'no' a un ordine che lo costringe a uccidere, può benissimo fare affidamento sulla nostra protezione legale”, ha assicurato l'avvocato.

Dal punto di vista legale il gruppo di dissidenti si sta appellando al fatto che quella ordinata da Putin non è ufficialmente una guerra, ma una “operazione speciale”. “Se c'è un conflitto armato, c'è una situazione d'emergenza o una legge marziale, in quel caso i termini del contratto potrebbero essere modificati senza consenso degli agenti per sei mesi”, ha spiegato l'avvocato, ma in Ucraina “non abbiamo un conflitto armato o una guerra, ma semplicemente una 'operazione speciale'. E visto che la legge in questo caso specifica nulla”, questo vuol dire che “puoi andarci, ma solo se sei d'accordo”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La battaglia dei poliziotti russi licenziati perché si sono rifiutati di invadere l'Ucraina

Today è in caricamento