rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
#savetheplanet / Germania

"Basta foto di cibo sui social, inquinano": la crociata del ministro

La dichiarazione del politico è stata travolta da una valanga di critiche sui social network

Il ministro dei Trasporti tedesco Volker Wissing vuole mantenere il consumo energetico della digitalizzazione il più basso possibile. E per farlo propone un modo rivoluzionario per salvare il Pianeta: smettere di fare foto al cibo per poi pubblicarle sui social. "Tendiamo a mangiare il nostro cibo per scattare foto e se guardi il numero di foto di cibo in tutto il mondo, vedi un'enorme quantità di energia consumata ", ha affermato Wissing al termine di una riunione con i Paesi del G7 nella quale si è deciso di prestare maggiore attenzione alla sostenibilità.

A quanto pare, il ministro non aveva considerato che Internet non dimentica nulla, comprese le foto pubblicate di delizie culinarie. La dichiarazione di Wissing, riporta il Welt, è diventata virale e gli utenti hanno iniziato a recuperare vecchie foto del ministro. Ad esempio, dal canale Instagram di Wissing è emersa una foto che lo ritrae con un piatto di waffle alla fine del 2020, firmata "Waffle day". Alla valanga di critiche Wissing ha risposto domenica sera con un tweet: "Internet consuma elettricità? Certo che sì. Dovremmo usarlo comunque? Naturalmente. Tutti dovrebbero poter utilizzare la rete liberamente, anche per le foto di cibo, e i politici dovrebbero garantire che ciò sia possibile in modo neutrale per il clima", ha scritto.

Per ridurre l'impronta ecologica della digitalizzazione, i Paesi del G7 intendono prestare maggiore attenzione agli aspetti della sostenibilità in futuro. "Non dobbiamo ripetere l'errore che abbiamo commesso nell'industrializzazione di mettere in secondo piano la sostenibilità", ha dichiarato sempre Wissing. Al contrario, ha affermato, è necessario prendere in considerazione questioni come il riciclaggio dell'hardware, la protezione delle materie prime o la riduzione del consumo energetico.

"Dobbiamo pensare al cambiamento climatico", ha affermato il ministro giapponese per il digitale Karen Makishima. "Dobbiamo pensare a questo problema a livello globale, nessun Paese può risolverlo da solo. Ogni Paese può fornire la migliore tecnologia di cui dispone per garantire un futuro verde", ha dichiarato. Wissing e Makishima hanno anche presentato una dichiarazione finale del G7 in cui i sette Paesi esprimono solidarietà all'Ucraina sulla questione di Internet. Il documento condanna le "attività informatiche dannose, la manipolazione delle informazioni, le interferenze e le campagne di disinformazione online" della Russia. Il G7 ha dichiarato di voler intraprendere un'azione comune contro questo fenomeno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Basta foto di cibo sui social, inquinano": la crociata del ministro

Today è in caricamento