A Barcellona mascherina obbligatoria pure in spiaggia: “100 euro di multa per i trasgressori”

Il Governo catalano affronta i timori della seconda ondata con un giro di vite alle norme preventive. Naso e bocca coperti in tutti i luoghi pubblici, all'aperto e al chiuso, anche quando è possibile rispettare le distanze. Regola subito replicata dalla giunta delle Baleari

FOTO: EPA/ANTONIO COTRIM

Mascherina obbligatoria in strada, in riva al mare e persino in ristorante mentre non si mangia o si beve. La Catalogna sarà la prima regione spagnola ad applicare una multa di 100 euro per i trasgressori che non indossano alcuna protezione per coprire naso e bocca. La regola verrà applicata anche negli spazi aperti e pure laddove si possono rispettare le distanze di sicurezza. La misura preventiva è stata annunciata oggi dalla portavoce del Governo, Meritxell Budó, a seguito di una riunione tra le autorità politiche locali e i funzionari della protezione civile. Da domani catalani e turisti dovranno usare la mascherina non appena mettono piede fuori di casa e, praticamente, ovunque.

Contro il "rilassamento"

Secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia, la norma sarà applicata a tutte le persone di età superiore ai sei anni. Sarà consentito togliersi la mascherina solo per bere e mangiare e non sarà richiesta per chi sta praticando attività sportiva in spazi pubblici. L'obiettivo è quello di ridurre il più possibile la trasmissione del virus Covid-19, nel momento di alta circolazione delle persone che - finalmente libere dal confinamento - stanno iniziando a godersi le vacanze estive. Le autorità regionali hanno notato un certo “rilassamento” nei comportamenti, che ha portato a nuovi contagi e dunque all’incubo di una seconda ondata.

Le Baleari seguono l'esempio catalano

All’annuncio delle autorità di Barcellona è seguito quello della giunta regionale di Palma di Maiorca. L'uso della mascherina sarà obbligatorio anche nelle Isole Baleari a partire dalla prossima settimana, seppure il Governo regionale non ha ancora diffuso i dettagli della proposta. Secondo quanto apprendono le testate locali, si tratta di un provvedimento che imporrà l’uso della protezione in tutti gli spazi pubblici e in quelli privati aperti al pubblico, indipendentemente che si tratti di luoghi aperti o chiusi. La regola escluderebbe la sola circolazione sulle spiagge. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Troppe feste abusive

La misura è stata decisa dopo che il Governo e i sindaci delle isole hanno rilevato la proliferazione di raduni illegali, dove le norme di sicurezza non vengono sistematicamente rispettate. Proprio lo scorso fine settimana, la polizia è intervenuta in due di questi eventi a cui hanno partecipato rispettivamente 200 e 100 persone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento