La Scozia mette al bando le sculacciate ai figli

La proposta dei Verdi ha ricevuto l’appoggio determinante del partito nazionalista di Governo, che ha detto sì al testo che elimina la possibilità di usare una forza fisica "ragionevole" nelle punizioni

Niente più schiaffi né sculaccioni. Il Parlamento scozzese ha deciso di mettere al bando ogni tipo di punizione fisica sui bambini, anche se compiuta a fin di bene e dai genitori del piccolo. La misura, promossa dal deputato dei Verdi John Finnie, è passata con 84 voti a favore e 29 contrari, con il sostegno del partito nazionalista scozzese (Snp), dei laburisti e dei Lib-Dem. 

I contrari alla nuova legge

A votare no sono stati i conservatori, forse anche tenendo conto del parere contrario dell’opinione pubblica. Secondo un sondaggio, la maggioranza degli scozzesi si oppone e ritiene che ci sia il rischio di criminalizzare i “bravi” genitori. Finora, mamme e papà scozzesi potevano applicare un uso della forza fisica “ragionevole” per educare i figli sotto i 16 anni. Cosa che si può ancora fare in Inghilterra e Irlanda del Nord dove i genitori sono attualmente autorizzati a infliggere un "castigo ragionevole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Genitori incriminati?

“La punizione fisica non ha posto nella Scozia del ventunesimo secolo. Le evidenze a livello internazionale ci dicono che può avere gravi conseguenze sui bambini e che non è efficace”, ha spiegato Finnie. E a chi contestava che la legge potrebbe portare a criminalizzare i genitori, anche quelli che magari non sono dei violenti, ha risposto: “Non ci sono prove che una modifica della legge comporti un aumento dei procedimenti giudiziari in uno degli oltre 50 Paesi in cui sono state attuate questo tipo di riforme. Questo cambiamento nella legge in Irlanda ha spinto più genitori a contattare i servizi per chiedere aiuto e supporto e ad adottare tecniche disciplinari alternative". Si tratta del primo territorio del Regno Unito deciso a vietare le punizioni corporali, usanza mai del tutto estirpata tanto nel sistema scolastico britannico quanto in ambiente familiare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento