rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Il caso / Belgio

Babysitter sospettato di aver ucciso un bimbo di 4 anni

Il caso tra Belgio e Olanda. La polizia ha arrestato il giovane che si prendeva cura di lui e della sorella. E che nel 2010 era stato condannato per una vicenda simile

Doveva accompagnarlo dai nonni mercoledì scorso. Invece, il corpo del piccolo Dean Verberckmoes, 4 anni, è stato ritrovato solo giorni dopo, a diversi chilometri di distanza e in un altro Paese, senza vita. Probabile che a indicare il luogo del ritrovamento sia stato lui, Dave De Kock, il babysitter di 34 anni che si prendeva cura di Dean e della sorellina. E che nel 2010 era stato condannato a 10 anni di carcere per maltrattamenti e per aver causato la morte di un bambino di 2 anni, scrive La Libre

La vicenda, seguita dai media di Belgio e Olanda, comincia a Saint-Nicolas, piccolo comune belga al confine con i Paesi Bassi, in seguito alla denuncia della madre di Dean, Elke Verberckmoes, che aveva allertato la polizia dopo aver scoperto che il bambino non era stato consegnato ai nonni e che il babysitter era irrintracciabile. Ad aumentare i sospetti sull'uomo, la scoperta del precedente penale di De Kock, uscito dal carcere nel dicembre del 2018. 

Allertata per la vicinanza di Saint-Nicolas con la Zelanda, regione meridionale dei Paesi Bassi, la polizia olandese ha rintracciato prima il babysitter e poi il corpo del bambino. "Il corpo di Dean, 4 anni, dal Belgio, è stato purtroppo trovato in Zelanda", ha detto la polizia olandese in una nota. “Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato e inviamo le nostre condoglianze alla sua famiglia”, ha aggiunto.

“Dean li conosceva bene, adorava la loro compagnia ed era felice di andare da loro", ha raccontato Elke Verberckmoes a Het Nieuwsblad. "Sapevo che era stato condannato ed era andato in prigione, ma non sapevo perché. Mi aveva solo detto che era innocente ed io mi sono fidata di lui. Non ho mai pensato che mi stesse nascondendo qualcosa".

Venuto a conoscenza della notizia, il papà della prima vittima di Dave De Kock, ha detto di provare "delusione, rabbia e tristezza", sostenendo che a suo avviso "sarebbe stato meglio" se l'uomo "fosse stato condannato all'ergastolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Babysitter sospettato di aver ucciso un bimbo di 4 anni

Today è in caricamento