menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno degli esperti del Norad sulle tracce di Babbo Natale

Uno degli esperti del Norad sulle tracce di Babbo Natale

"Continueremo a tracciare Babbo Natale", lo stallo politico non ferma l'aeronautica Usa

Grazie al supporto di circa 1500 volontari, l'ufficio del Norad continuerà a seguire le tracce di Santa Claus nella notte tra il 24 e il 25 dicembre. Una tradizione che va avanti da 63 anni

"Nonostante lo shutdown, continueremo a seguire le tracce di Babbo Natale come facciamo da 63 anni". Con questo messaggio, il Comando di difesa aerospaziale per il Nord-America ha voluto tranquillizzare i suoi piccoli follower che ogni anno, dal lontano 1955, seguono le tracce lasciate da Santa Claus in giro per il mondo nella notte tra il 24 e il 25 dicembre. Lo stallo politico che ha portato al blocco delle attività amministrative negli Stati Uniti non avrà ripercussioni sul programma Norad Tracks Santa, che da quest’anno sarà disponibile anche in italiano. 

Come funziona?

La tracciatura della slitta di Babbo Natale avviene in tempo reale e viene effettuata dagli esperti del Comando di difesa aerospaziale per il Nord-America (Norad per l'appunto) con l’aiuto di Verizon, il maggiore provider di servizi di telecomunicazioni degli Usa. In campo, anche circa 1.500 volontari.

Il sistema radar di Norad è installato in più di 47 aree tra Canada e Alaska. I satelliti dell’agenzia, più di 22 mila sopra la Terra, di solito utilizzano sensori a infrarossi per aiutare a localizzare i lanci di missili che potrebbero essere diretti verso gli Usa. Ma nella notte di Natale, questa tecnologia cambia obiettivo e viene usata per tracciare il percorso di Babbo Natale fin dal suo decollo. Una volta che la slitta piena di doni è partita dal Polo Nord, l’organizzazione inizia a utilizzare i rilevatori a infrarossi dei suoi satelliti per individuare il naso luminoso della renna Rudolph e tenere traccia del grande viaggio.

Nato per un errore

Il progetto è nato per caso: nel 1955,  una ditta ebbe l'idea di istituire un centralino per rispondere telefonicamente alle richieste dei bambini e lancio' una campagna pubblicitaria. Peccato che il numero di telefono comparso sui cartelloni fosse quello del Comando aerospazionale. Quando il colonnello Harry Shoup rispose al telefono, decise però di stare al gioco, incaricando il proprio staff di rispondere a tutte le domande dei bambini. Quella della linea telefonica è rimasta da lì in poi una tradizione da portare avanti nel tempo.

Oggi, al telefono si sono aggiunti altri strumenti: e-mail, social network, app per smartphone e, infine, il sito Internet dedicato su cui seguire il viaggio di Santa Claus (anche in italiano). Ma Norad Tracks Santa non prevede solo un sistema di monitoraggio del viaggio di Babbo Natale. All’interno del sito del progetto si possono infatti trovare anche un conto alla rovescia fino alla notte della Vigilia di Natale e, in attesa del 25 dicembre, si può fare una visita virtuale al villaggio di Babbo Natale, guardare film a tema natalizio, cimentarsi in giochi al pc, ascoltare canti di Natale o leggere racconti sul 25 dicembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento