Avvocatessa con velo cacciata dal tribunale, Kyenge: “Solidarietà, no a populismo giudiziario”

L'eurodeputata del Pd esprime la sua vicinanza ad Asmae Belkafir, la praticante 25enne di origine marocchina, dopo l'episodio avvenuta in aula del Tar di Bologna: “Italia è paese multiculturale e pluralista”

Foto Ansa e Parlamento europeo

“Esprimo la mia più sentita solidarietà e vicinanza alla giovane avvocatessa praticante costretta a lasciare l'aula della seconda sezione del Tar dell'Emilia Romagna causa insistenza del giudice a farle togliere il velo o a uscire dall'aula”. L'eurodeputata del Pd Cecile Kyenge esprime la sua vicinanza ad Asman Belfakir, avvocatessa 25enne di origine marocchina dopo l'episodio di ieri al Tar di Bologna, dove un giudice le ha detto che non poteva stare in aula con il velo islamico.

“Noi vogliamo vivere in un Ppaese dove i giudici badino alla coerenza della strategia difensiva dell'avvocatessa, ovvero alla sua competenza, rispetto ai fatti per cui era in venuta in tribunale”, continua Kyenge. 

“Il riferimento alla tradizione o alla 'nostra' cultura, se pronunciato dal giudice in un'aula del tribunale, è l'espressione di un populismo giudiziario che non fa bene al paese – prosegue l'ex ministra - Inoltre, tutto il dibattito contradittorio e la controversia fra giudici sul tema dimostra quanto alcune disposizioni e normative in vigore necessitino di una urgente riforma, per mettere tutto il paese al passo con tempi, nel rispetto della nostra Costituzione”. 

Nel caso di Belfakir, “ogni eventuale allusione a convinzioni culturali da parte del Giudice è deleteria, essendo l'Italia un paese essenzialmente democratico, multiculturale e pluralista", conclude Kyenge. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento