Autostrade Ue sempre più insicure per i tir: mai così tanti furti e assalti

Studio della Commissione: i camion su strada movimentano il 75% dei beni, ma cresce il numero di reati commessi contro di loro, comprese molestie nei confronti delle autiste donne. In Italia Lombardia, Puglia e Lazio le regioni più pericolose

L’Europa punta sui corridoi stradali. Una scelta per connettere l’Europa e agevolare il mercato interno. Tante merci viaggiano sull’asfalto, stipate e sistemata nei camion. I tir, però, dove si mettono quando non sono fermi per il carico e lo scarico? Sembra una domanda sciocca, ma non lo è. Nell'Ue mancano 400mila parcheggi sicuri e protetti sulle strade su cui viaggiano, rileva la Commissione europea in uno studio. La situazione è più problematica di quanto si pensi: i reati nel mondo del trasporto camionistico “sono più frequenti che mai e circa il 75% di questi incidenti si verificano quando i camion sono parcheggiati”. Furti e assalti ai mezzi che si traducono in perdite dirette stimate di 8,2 miliardi di euro all'anno. Una situazione ritenuta “critica, sia per i conducenti che per i proprietari di merci”, a cui la Commissione europea sta cercando di porre rimedio promuovendo aree di parcheggio sicure. Solo per il periodo 2014-2017 l’esecutivo comunitario ha destinato 45 milioni di euro per promuovere ‘piazzole sicure’.

Italia: Puglia, Lazio e Lombardia maglia nera

La politica europea necessita di essere attuata anche in Italia. I camion sono presi d’assalto soprattutto in Puglia e Lombardia. Nella speciale mappatura degli incidenti intenzionali, tra il 20% e il 40% degli atti commessi è avvenuta a danno degli autoarticolati nelle due regioni citate. In particolare, in Puglia oltre al furto di merci “si è registrato un aumento dei camion presi di mira per traffico illegale o clandestini di persone”. Terza regione italiana per numero di effrazioni a danno dei camion il Lazio, dove un episodio illecito intenzionale su cinque è a danno alla categoria.

Donne autiste a rischio molestie

Non ci sono solo furti di merci e danni ai mezzi. Il rapporto diffuso dall’esecutivo comunitario denuncia che il 64% dei conducenti di sesso femminile ha avuto situazioni non sicure nelle aree di sosta notturna. Le molestie sessuali sono state segnalate “frequentemente”. È convinzione di Bruxelles che sia necessario offrire servizi di qualità superiore e strutture separate (ad esempio strutture sanitarie) nelle aree di parcheggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Serve più sicurezza

Il paradosso europeo è che il grosso della movimentazione delle merci avviene su strada, ma poi ai camionisti non è consentito di muoversi in tutta sicurezza. Nonostante i corridoi europei. La strada è la modalità di trasporto dominante nel commercio e nella logistica intra-europea, che rappresenta quasi il 50% di tutte le tonnellate per chilometri e il 75% del trasporto interno. Il problema non è solo nelle iniziative. Perché, sottolinea il rapporto, “sebbene in passato siano state dispiegate diverse attività utili a livello dell'Ue e degli Stati membri, non esiste una definizione coerente di aree di parcheggio sicure per i camion”. È tempo di colmare il vuoto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento