Assicurazioni, più tutele per le vittime di incidenti. Anche quando la compagnia è insolvente

Grazie alla riforma del settore presentata dalla Commissione Ue verranno creati degli organismi di indennizzo nei diversi Stati membri finanziati dal settore. Le classi di merito saranno riconosciute anche in altri Paesi quando si stipulerà un'assicurazione all'estero, mantenendo così eventuali condizioni più vantaggiose

Basta con le compagnie assicurative che evitano di pagare quanto dovuto alle vittime di incidenti. In futuro sarà più sicuro ottenere gli indennizzi dovuti grazie alle nuove norme proposte dalla Commissione europea.

Le nuove norme

Bruxelles intende garantire che le vittime ricevano quanto gli spetta, e per farlo propone che se l'assicuratore di un veicolo responsabile di un incidente è insolvente, le vittime siano rapidamente e pienamente risarcite da un organismo di indennizzo situato nel loro Stato membro di residenza. Se l'assicuratore fornisce servizi di assicurazione transfrontaliera, l'organismo di indennizzo nello Stato membro di residenza della vittima sarà tenuto a pagare inizialmente il credito della vittima per poi essere rimborsato dall'organismo del Paese di origine dell'assicuratore. In questo modo si punta a fare sì che l'ultima responsabilità finanziaria sia a carico del settore.

Le classi di merito

La riforma contiene anche altri aspetti. Da una parte stabilisce che chi rientra in una determinata classe di merito in uno Stato membro, quando dovesse stipulare una nuova assicurazione all'estero questa classe gli venga riconosciuta e possa così eventualmente beneficiare di migliori condizioni assicurative. Inoltre il testo punta a rendere più semplice anche contrastare la circolazione di veicoli non assicurati, facilitando il compito delle autorità competenti, e allineando i livelli minimi di copertura in tutta l'Unione europea.

Con queste proposte “vogliamo garantire che le vittime di incidenti stradali godano di una migliore protezione in futuro”, ha affermato il vicepresidente Valdis Dombrovskis secondo cui il fatto che “se un cittadino si trasferisce in un altro Stato membro e sottoscrive una nuova polizza di assicurazione auto, la sua classe di merito sarà parificata a quella dei consumatori nazionali”, è una “buona notizia non solo per coloro che si spostano all'interno dell'Ue, ma anche per tutti noi in quanto cittadini dell'Unione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In più, secondo quanto proposto dalla Commissione, i cittadini dell'Unione avranno diritto alle stesse condizioni minime di protezione in ogni Stato membro in cui si recano. La proposta fissa infatti dei livelli di protezione minimi e armonizzati in tutta l'Ue per quanto riguarda le lesioni personali e i danni materiali, appianando le leggere differenze attualmente esistenti tra Stati membri nel livello minimo di protezione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Chiuderemo Facebook e Instagram in Europa", ecco il perché della minaccia di Zuckerberg

  • “I migranti ci penseranno due volte prima di imbarcarsi per l’Europa”, bufera sul nuovo piano Ue

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • "Svezia verso l'immunità di gregge, lì la pandemia potrebbe essere finita"

  • Code di 7mila tir e crisi peggiore del Covid: Londra adesso teme la Brexit senza accordo

  • Cercasi rifiuti: termovalorizzatori danesi a secco perché manca la spazzatura da bruciare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento