Nuova audizione di Facebook al Parlamento Ue, ma è polemica sui rappresentanti inviati a Bruxelles

I deputati avevano richiesto tre nomi, ma di questi solo uno è stato accettato, gli altri due li ha scelti l'impresa californiana. Il presidente della commissione Libertà civili: “Vedremo se le risposte di Facebook saranno sufficienti, convincenti e degne di fiducia”

Oggi a Bruxelles è prevista la nuova tranche di audizioni sul caso Cambridge Analytica con Facebook, dopo quella del 22 maggio con Mark Zuckerberg. Ma l'incontro non parte sotto il migliore degli auspici ed è già polemica tra gli eurodeputati l'azienda statunitense. Le quattro commissioni coinvolte nell'audizione avevano avanzato una lista di tre nomi che volevano sentire: Erin Egan, responsabile della privacy, Rob Goldman, vicepresidente di Facebook per la pubblicità e Joel Kaplan, vicepresidente per le politiche globali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma di questa lista Facebook ha accettato di mandare a Bruxelles solo Kaplan, volto noto negli Usa, dal momento che fu ex vice capo di gabinetto alla Casa Bianca per tre anni con George W. Bush. Insieme a lui ci saranno Steve Satterfield, direttore privacy e pubblicità, e Richard Allan, vicepresidente per le soluzioni. "Ci aspettavamo di sentire altri. È con riluttanza quindi che ascolteremo i membri del team proposti da Facebook”, ha lamentato il presidente della commissione Libertà civili, il socialista britannico Claude Moraes, secondo cui “starà agli eurodeputati vedere se le risposte di Facebook saranno sufficienti, convincenti e degne di fiducia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento