rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
New Ira / Regno Unito

L'attacco a un poliziotto riaccende il conflitto in Irlanda del Nord

L'ispettore vittima di numerosi colpi d'arma da fuoco in passato ha ricevuto minacce per le sue indagini sugli atti di sangue riconducibili ai paramilitari repubblicani della New Ira. Arrestate tre persone

John Caldwell, l'ispettore capo della polizia nordirlandese vittima di un tentato omicidio, si trova in condizioni "critiche ma stabili". Ieri sera, dopo aver allenato una squadra di calcio di ragazzini, stava caricando assieme a suo figlio dei palloni nel bagagliaio della sua auto nella cittadina di Omagh. Due uomini armati hanno fatto fuoco più volte contro di lui, che ora lotta per rimanere in vita. Entrato nella polizia 26 anni fa, Caldwell è apparso più volte davanti alle telecamere per aver condotto le indagini su importanti fatti di sangue che hanno coinvolto esponenti della New Ira, organizzazione paramilitare di repubblicani irlandesi che negli ultimi anni hanno condotto vari attacchi contro le forze britanniche. Lo stesso ispettore ha ricevuto in passato numerose minacce di morte.

Gli inquirenti guardano proprio in questa direzione nella ricerca dei responsabili dell'attacco che rischia di riaccendere il conflitto in Irlanda del Nord, parte del Regno Unito, con i repubblicani irlandesi che vorrebbero la riunificazione dell'isola sotto la guida di Dublino. Finora sono state arrestate tre persone rispettivamente di 38, 45 e 47 anni. Le autorità non hanno ancora reso noti i nomi dei sospettati e tanto meno la loro eventuale affiliazione ai gruppi armati repubblicani. 

Oltre alle indagini, l'attenzione dei media irlandesi e britannici si sta concentrando sulla reazione dei leader politici locali, visibilmente preoccupati dall'inizio di una nuova stagione di sangue dai risvolti imprevedibili nel bel mezzo dei negoziati tra Londra e Bruxelles sul futuro della parte britannica dell'isola. I principali esponenti della politica nordirlandese, in un raro momento di unità, si sono affrettati a condannate l'attacco definendo i responsabili "i nemici della pace". 

“Non ci sarà alcuna tolleranza per tali attacchi da parte dei nemici della nostra pace. I responsabili devono essere assicurati alla giustizia", si legge nella dichiarazione congiunta firmata da Michelle O'Neill del movimento repubblicano Sinn Féin, Jeffrey Donaldson del Partito Unionista Democratico filo-britannico e dagli altri esponenti dei principali partiti nordirlandesi di entrambe le fazioni. 

In Irlanda del Nord più cattolici che protestanti, il Regno Unito scricchiola sempre più

L'ultimo attacco mortale della New Ira a un agente di polizia risale al 2011 ed è avvenuto sempre a Omagh, la stessa cittadina del tentato omicidio di ieri, che è stata teatro nel 1998 anche di un attacco condotto tramite un'autobomba che uccise 29 persone. I responsabili di quest'ultimo attentato appartenevano a un'altra organizzazione, la Real Ira, meglio nota con l'acronimo 'Rira', e volevano sabotare l'accordo del Venerdì Santo che mise fine alle ostilità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'attacco a un poliziotto riaccende il conflitto in Irlanda del Nord

Today è in caricamento