Armi made in Italy: la Turchia è il principale cliente

Il governo aveva promesso un embargo che però non è mai entrato in vigore. Ankara rappresenta il 20% del nostro export seguita da Pakistan e Arabia Saudita

Foto archivo Ansa EPA/SEDAT SUNA

La Turchia è al centro delle critiche a livello internazionale perché sta usando, ancora una volta, i migranti come arma di scambio politica. Le scene dei rifugiati inviati al confine con la Grecia hanno destato indignazione da più parti, così come indignazione suscitò l'inviasione ad ottobre del nord della Siria, dove Recep Tayyip Erdoğan voleva colpire i guerriglieri curdi, fino a pochi giorni prima alleati dell'occidente contro il terrorismo islamico.

La vendita delle armi

Eppure sono in tanti a fare affari con Ankara vendendogli armi, Italia in testa. La Turchia, terzo importatore di armi a livello mondiale, è il nostro principale mercato di esportazione seguita da Pakistan e Arabia Saudita. Il 14 ottobre scorso il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, aveva annunciato un blocco delle vendite tramite decreto, ma diverse associazioni hanno denunciato che di questo decreto dopo l'annuncio non vi è stata traccia. Secondo i dati dello Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), i maggiori esportatori di armi a livello mondiale negli ultimi cinque anni sono stati Stati Uniti, Russia, Francia, Germania e Cina, con i dati che mostrano che il flusso di armi verso il Medio Oriente è aumentato, con l'Arabia Saudita chiaramente il più grande importatore del mondo.

In Europa

Le esportazioni di armi combinate da parte degli Stati membri dell'Unione Europea hanno rappresentato il 26% del totale globale nel 2015-2019 una crescita del 9% rispetto al 2010-2014. I primi cinque esportatori dell'Europa occidentale sono stati Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Italia, che insieme hanno rappresentato il 23% delle esportazioni del blocco, percentuale in crescita rispetto al 20% nel 2010-2014, anche se l'export totale del nostro Paese è diminuito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Esportazioni italiane

Se guardiamo Alla classifica delle nostre vendite vediamo che il primo cliente è la Turchia che rappresenta il 20% del nostro mercato, seguita da Pakistan (7.5) e Arabia Saudita (7.2). Per Ankara siamo il secondo fornitore con il 24% delle importazioni dopo gli Stati Uniti di Donald Trump (38%). Un altro Paese di cui siamo tra i principali fornitori di armi è Israele che importa per il 78% dagli Stati Uniti, per il 16 dalla Germania e per il 6,2 da noi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento