Amnesty sotto accusa: “Bullismo e umiliazioni sui posti di lavoro”

Un'inchiesta lanciata a Londra dopo il suicidio di due dipendenti lo scorso anno parla di ambiente di lavoro “tossico” con dirigenti che sminuiscono il lavoro dei loro sottoposti

Foto Ansa EPA/DIEGO AZUBEL

Lavoratori bullizzati, umiliazioni pubbliche, discriminazioni e abusi di potere. Un report getta ombre sul lavoro dell'organizzazione dei diritti umani più famosa del mondo: Amnesty International. Sotto la lente è finito il segretariato internazionale con sede a Londra che avrebbe un ambiente di lavoro “tossico”.

Il report è stato fatto da KonTerra Group con l'aiuto di un gruppo di psicologi, dopo che lo scorso anno due membri dell'organizzazione si erano suicidati, e si è basato su un sondaggio su 475 dipendenti, il 70% della forza lavoro della segreteria internazionale, e su una serie di interviste. "Amnesty International ha la reputazione di fare un ottimo lavoro ma di essere un posto difficile in cui lavorare. In molte interviste è stata usata la parola 'tossico' per descrivere la cultura del lavoro di Amnesty fin dagli anni '90”, e diversi hanno parlato di “mancanza di fiducia" e "bullismo" si legge nel report.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riporta il Guardian il testo afferma che "ci sono state segnalazioni di manager che sminuivano il personale durante le riunioni, escludendo deliberatamente determinati membri dallo staff o facendo commenti umilianti e minacciosi come: 'Sei una merda!' o 'Dovresti smettere! Se rimani in questa posizione, la tua vita sarà una miseria'”. Il report, che riguarda solo il metodo di lavoro nelle sedi di Amnesty e non giudica il suo operato nel monitoraggio dei diritti umani nel mondo, afferma che queste rivelazioni potrebbero mettere in pericolo la stessa missione dell'organizzazione, in quanto ora che "le spaccature organizzative e le prove di nepotismo e ipocrisia diventano di dominio pubblico saranno usate da governi e da altri oppositori del lavoro di Amnesty per ridurre o respingere il lavoro di Amnesty in tutto il mondo, mettendo fondamentalmente a repentaglio la missione dell'organizzazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Chiuderemo Facebook e Instagram in Europa", ecco il perché della minaccia di Zuckerberg

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • "Svezia verso l'immunità di gregge, lì la pandemia potrebbe essere finita"

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Duemila pellegrini ebrei bloccati al confine ucraino, Kiev accusa: "Li spinge la Bielorussia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento