Amministrazione online, Italia ancora sotto la media europea

La relazione della Commissione sull'eGovernment mostra una riduzione del divario tra Paesi Ue. Ma il Belpaese rimane in ritardo su competenze digitali e servizi sul web offerti dalla PA

Un’Italia in linea con gli altri Paesi europei per quanto riguarda la digitalizzazione, ma in ritardo sui servizi di eGovernment offerti ai cittadini, vale a dire sull’utilizzo di tecnologie d’informazione e comunicazione nelle pubbliche amministrazioni. È il quadro che emerge dalla relazione pubblicata dalla Commissione europea che valuta anche i livelli di interoperabilità transfrontaliera e di interazione digitale tra amministrazioni e cittadini o imprese negli Stati Ue e in altri otto Paesi terzi. Lo studio di quest'anno mostra, in generale, miglioramenti nel livello di trasparenza e utilizzo dei servizi digitali, come l'identificazione elettronica (eID). 

Si riduce il gap coi migliori d'Europa

Si riduce inoltre il divario che separa i Paesi più all’avanguardia sull’amministrazione digitale da quelli con le peggiori performance. Tale gap si è ridotto a 42 punti percentuali, ben al di sotto della differenza superiore ai 50 punti rilevata nel corso di tutto il quinquennio 2012-2015. I Paesi pionieri nei servizi pubblici digitali sono Malta, Estonia e Austria, tallonati da Lettonia, Lituania e Finlandia. 

Il ritardo italiano

Per quanto concerne l’Italia, il rapporto fotografa una situazione contraddittoria. Da una parte la digitalizzazione è in linea con la media degli altri Paesi europei. Quel che scarseggia è invece la penetrazione delle nuove tecnologie, vale a dire, dal punto di vista pratico, il numero di persone che presentano moduli ufficiali online alle autorità amministrative o che usano processi automatizzati, una pratica che riduce sensibilmente la modulistica e la burocrazia richiesta ai cittadini. Altro ritardo italiano è rappresentato dalle competenze digitali della popolazione, ancora sotto la media Ue.

Schermata 2019-10-18 alle 17.20.07-2

Priorità dell'Europa

L’Europa nel suo insieme può vantare di essere all’avanguardia sui servizi progettati per soddisfare le esigenze e le aspettative dei cittadini. La Commissione avverte che sarà però necessario fare ulteriori sforzi per migliorare la sicurezza dei servizi pubblici online, nonché per aumentare la trasparenza, la mobilità transfrontaliera e la disponibilità di identificazione elettronica per permettere di bypassare la burocrazia cartacea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Ue vara la prima mappa comune del Covid: Italia in codice arancione, rosso per Spagna, Olanda e Francia

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • Addio "lockdown smart", l'Olanda chiude bar, coffeeshop e ristoranti e vieta l'alcool

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento