menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
A sinistra Angela Merkel, a destra Jorg Meuthen (Afd-Id)

A sinistra Angela Merkel, a destra Jorg Meuthen (Afd-Id)

"I tedeschi più poveri degli italiani, no a solidarietà Ue": l'alleato di Salvini contro il Recovery fund

Jorg Meuthen, eurodeputato del gruppo guidato dalla Lega, attacca Angela Merkel e la Commissione europea per il piano di aiuti ai Paesi più colpiti dal coronavirus. E, indirettamente, boccia uno dei cavalli di battaglia del Carroccio: Quota 100

No alla solidarietà all'Italia e agli altri Paesi del Sud colpiti dal coronavirus con i soldi dei contribuenti tedeschi, perché "il patrimonio medio di un tedesco è inferiore a quello di un francese, di uno spagnolo o di un italiano". Inoltre, i tedeschi possiedono meno appartamenti e vanno in pensione più tardi rispetto ai cittadini dei Paesi del Mediterraneo. E' il pensiero di Jorg Meuthen, eurodeputato dell'Afd, il partito tedesco di destra alleato della Lega di Matteo Salvini al Parlamento europeo. Le cui parole, pronunciate davanti alla cancelliera Angela Merkel nell'Aula di Bruxelles a nome di Identià e democrazia, il gruppo europeo guidato dal Carroccio, sembrano bocciare, tra le altre cose, uno dei cavalli di battaglia della Lega, ossia Quota 100. 

Già, perché quando Meuthen punta il dito contro la presunta bassa età media alla quale gli italiani e spagnoli vanno in pensione, il riferimento è anche alle critiche a Quota 100 tanto care alla destra tedesca. L'attacco di Meuthen, pero', è rivolto principalmente alla cancelliera Merkel e alla presidente della Commissione, Ursula von de Leyen: il Recovery fund, il piano di aiuti che dovrebbe destinare il grosso dei 750 miliardi previsti proprio a Italia, Spagna e Francia, rappresenta per l'esponente di Identità e democrazia "uno stupro della libertà" fatto  "per accontentare Macron e gli altri amici mediterranei". Meuthen se la prende anche con i bond Ue previsti dal piano, che a suo avviso rappresentanto una."comunitarizzazione del debito", in altre parole un modo per allentare il peso dei debiti pubblici sui Paesi Ue più in difficoltà, come il nostro, grazie alla garanzie date dalle casse più solide della Germania.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento