Albania e Macedonia del Nord al posto del Regno Unito, l'Ue spinge per l'adesione

Una lettera firmata da Juncker, von der Leyen, Sassoli e Tusk rivela l’intenzione delle istituzioni europee di aprire “entro ottobre” i negoziati con i due Paesi balcanici

Fuori i britannici, dento albanesi e macedoni. Potrebbe essere questo il futuro dell’Unione europea, prossima ad essere abbandonata dal Regno Unito, ma anche in procinto di cominciare i negoziati per l’adesione dei due Paesi balcanici. Albania e Macedonia del Nord “hanno fatto quello che abbiamo chiesto loro di fare”, dimostrando “uno sforzo significativo da parte dei loro cittadini, per i quali la prospettiva europea è stata una grande fonte di motivazione e determinazione”. È quanto si legge una lettera firmata dai “pesi massimi” dell’Ue: i presidenti uscenti di Commissione e Consiglio, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk, il presidente dell’Eurocamera, David Sassoli, e la neo-presidente dell’esecutivo Ue, la tedesca Ursula von der Leyen.

L'integrazione europea

“Fare un passo verso l'integrazione di quei Paesi europei che hanno manifestato interesse e hanno soddisfatto i requisiti per l'avvio del processo di adesione”, secondo i vertici dell'Unione, contribuirà a raggiungere gli obiettivi dell'Ue di “sostenere il suo ruolo internazionale e proteggere i propri interessi”. 

“Non c'è garanzia di successo”, avverte Bruxelles. Si precisa che l’ingresso dei due Stati balcanici “non avverrà dall'oggi al domani” e sia Tirana che Skopje “ne sono consapevoli”.

L'economia albanese in crescita

Albania e Macedonia del Nord contano rispettivamente 2,8 e 2,1 milioni di abitanti. Dal 2014 in poi l'economia albanese è costantemente migliorata e la crescita economica ha raggiunto il +3,8% nel 2017. Le rimesse degli albanesi all’estero, importante voce in capitolo della ricchezza nazionale, sono diminuite dal 12-15% dell’intero Pil prima della crisi finanziaria del 2008 al 5,8% nel 2015. Un calo dovuto alle ristrettezze economiche subite dagli albanesi residenti in Grecia e in Italia. Il Pil pro capite nel 2017 veniva stimato intorno ai 12.500 dollari, contro i 14.900 dei vicini macedoni. 

Speranze e paure della "giovane" Macedonia del Nord

Una volta raggiunta l’indipendenza nel 1991, la Macedonia del Nord ha intrapreso la strada della liberalizzazione economica volta a migliorare il tessuto imprenditoriale. Le sue basse aliquote fiscali hanno contribuito ad attrarre investimenti stranieri, che sono ancora modesti se paragonati al resto d'Europa. Corruzione e debolezze dello Stato di diritto rimangono problemi irrisolti per il Paese, così come per l’intera regione balcanica. Negli ultimi anni, a causa di una crisi politica interna e della situazione finanziaria globale, l’economia ha affrontato un periodo di sofferenza, con un rallentamento della crescita del Pil nel biennio 2016-2017 e un calo degli investimenti sia privati ​​che pubblici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • I vegani ora hanno il loro partito che correrà alle elezioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento