rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Paura e delirio / Russia

“L’Alaska è nostra”: sui social spopola il cartellone pubblicitario russo

L'iniziativa sarebbe collegata a un alleato del presidente russo Vladimir Putin. Per alcuni, è il segno che Mosca potrebbe reclamare il territorio venduto agli Stati Uniti nel 1867

Panico sui social per un cartellone con su scritto "L'Alaska è nostra!" apparso in Russia dopo che un alleato chiave del presidente russo Vladimir Putin ha suggerito che il Paese potrebbe reclamare il territorio venduto agli Stati Uniti nel 1867. Diversi cartelloni con questo slogan hanno sorpreso i residenti della città siberiana di Krasnoyarsk. Il giorno prima della loro apparizione, l'alleato di Putin e presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin aveva suggerito che la Russia avrebbe potuto "riprendersi" l'Alaska come ritorsione per le sanzioni economiche imposte alla Russia in seguito all'invasione dell'Ucraina.

Sebbene i cartelloni siano apparsi subito dopo che un funzionario ha suggerito un'invasione dello Stato americano, non sembrano essere stati collocati dal governo russo. La stessa immagine esatta può essere fatta risalire al logo di una società chiamata "Alaska", che vende rimorchi a Krasnoyarsk. I media russi hanno riferito che questi banner sono in realtà annunci pubblicitari che la società aveva pagato e prodotto. Euronews ha contattato l'azienda per una dichiarazione ma non ha ancora ricevuto risposta.

Un rappresentante ha detto ai media russi che "è solo che il nostro direttore è molto patriottico. Quindi, abbiamo deciso di dimostrare che siamo per il patriottismo, per la sostituzione delle importazioni". Questo striscione controverso sembra essere una mossa  a sostegno dei commenti dell'oratore della Duma, piuttosto che una qualsiasi più ampia iniziativa del governo russo. Il dottor Ian Garner, osservatore dei media russi, ha condiviso un'immagine del cartellone su Twitter, commentando: "Sono completamente impazziti".

Mercoledì Volodin e un altro alto funzionario russo avrebbero avvertito che le sanzioni imposte alla Russia dagli Stati Uniti e da altri Paesi occidentali durante la guerra in Ucraina potrebbero portare a un conflitto militare diretto, compresa una possibile invasione dell'Alaska. "Che l'America si ricordi sempre: c'è un pezzo di territorio, l'Alaska", ha detto Volodin durante una sessione della Duma di Stato, secondo il Moscow Times. "Quando cercano di gestire le nostre risorse all'estero, prima di agire pensino che anche noi abbiamo qualcosa da recuperare".

Piotr Tolstoj, vicepresidente della Duma di Stato, avrebbe anche proposto di indire un "referendum" per consentire ai residenti dell'Alaska di votare sull'adesione alla Russia. Sebbene il sostegno dell'Alaska all'adesione alla Russia sia tutt'altro che diffuso, le petizioni di WhiteHouse.Gov "Alaska Back to Russia" hanno raccolto decine di migliaia di firme nel 2014 e nel 2015. Gli Stati Uniti acquistarono il territorio dell'Alaska dalla Russia il 30 marzo 1867 per 7,2 milioni di dollari. Sebbene l'acquisto si sia rapidamente rivelato un valore eccezionale, all'epoca l'operazione fu criticata come "follia di Seward", in riferimento all'allora Segretario di Stato William Seward, che aveva organizzato l'acquisto. L'Alaska è diventata ufficialmente uno Stato degli Stati Uniti il 3 gennaio 1959.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“L’Alaska è nostra”: sui social spopola il cartellone pubblicitario russo

Today è in caricamento