menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
© European Union

© European Union

Aeroporti 'infetti': i vassoi del metal detector contengono più virus dei bagni pubblici

Uno studio rivela che nemmeno l'area giochi per i bambini o gli sportelli del controllo passaporti sarebbero al sicuro dalle malattie

I contagi di malattie virali avverrebbero con più facilità ai controlli di sicurezza degli aeroporti che nei bagni pubblici. È quanto rivela uno studio dell’Università di Nottingham e dell’Istituto nazionale finlandese per la salute, che hanno condotto una ricerca sulle superfici dell’aeroporto di Helsinki durante l’inverno del 2016. I ricercatori hanno rilevato tracce di virus sul 10% di tutta le aree analizzate, scoprendo la più alta concentrazione proprio sui vassoi di plastica su cui i passeggeri posano oggetti metallici, giacche e bagagli per passarli al metal detector prima di poter accedere all’area di imbarco.

I campioni analizzati sono stati prelevati durante un periodo di alta affluenza di passeggeri, in diverse zone dell’aeroporto e in più momenti della giornata. Tra le superfici analizzate c’erano anche i corrimano delle scale mobili e i pulsanti degli ascensori. I virus che causano normali tipi di raffreddore sono quelli più diffusi. Sui campioni sono state rinvenute anche tracce di virus influenzali, come le forme virali stagionali contro le quali in molti preferiscono vaccinarsi, insieme ad altre tipologie di vario tipo.

L’assenza di virus respiratori nei bagni pubblici è stata invece una sorpresa positiva per il team di ricercatori. Gli esperti indicano semplici precauzioni come lavarsi le mani e tossire su fazzoletti come le più rapide ma efficaci abitudini per evitare la circolazione di virus e batteri. I risultati della ricerca rinforzano le conclusioni di precedenti studi che additavano le superfici di tutti i mezzi di trasporto pubblico come i luoghi in cui è più facile imbattersi in virus e batteri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento