Rincari aerei e treni per il Sud sotto Natale, il M5s chiede l'intervento di Bruxelles

Sei eurodeputati del Movimento hanno presentato una interrogazione alla Commissione europea: "Biglietti più cari fino al 188% rispetto al resto dell'anno, Ue valuti eventuali abusi speculativi"

Volare da Bruxelles a Milano il 23 dicembre costa 69 euro. Da Londra sempre verso il capoluogo lombardo a ridosso del Natale, 92 euro. Prezzi più o meno in linea con quelli che si pagano nel resto dell'anno, quando si prenota con un certo anticipo. Diverso il discorso se dalle due capitali europee si vuole raggiungere Napoli o Palermo: 237 euro da Londra e 182 da Bruxelles per il capoluogo campano, 261 e 177 per quello siciliano. E non va meglio a chi, dal Nord Italia, deve raggiungere il Sud durante il periodo natalizio. Rincari che, secondo le associazioni di consumatori, arrivano fino al 188% del prezzo medio che si paga in altri periodi dell'anno (alta stagione estiva esclusa). Ecco perché il Movimento 5 stelle ha deciso di chiedere alla Commissione europea di valutare "l’eventuale presenza di abusi speculativi" e, nel caso, intervenire per tutelare i consumatori.

“Per raggiungere in aereo e in treno il Sud Italia durante il periodo natalizio i cittadini sono costretti a pagare fino al 188% in più rispetto al resto dell’anno - dicono gli eurodeputati pentastellati Mario Furore, Ignazio Corrao, Rosa D’Amato, Laura Ferrara, Chiara Gemma e Daniela Rondinelli, tutti eletti nelle circoscrizioni del Mezzogiorno - Questa è una follia. Il costo dei viaggi dipende dall’andamento della domanda e della offerta, ma questa sacrosanta legge di mercato non sembra giustificare questi incrementi di prezzo, che lasciano pensare a pratiche scorrette messe in atto dalle compagnie aeree per fare cassa in un periodo dell’anno in cui si viaggia di più".

Da qui la richiesta "alla Commissione europea di aprire una indagine e fare chiarezza su quella che appare una vergognosa tassa occulta verso i lavoratori che vanno a trovare le loro famiglie durante le feste natalizie". Nell’interrogazione, i parlamentari 5 stelle chiedono a Bruxelles di valutare "queste condotte commerciali" e "l’eventuale presenza di abusi speculativi. La tutela dei consumatori viene prima degli interessi delle compagnie aeree", concludono. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia, la Lega chiede aiuto all'Ue

  • I Paesi Ue più 'pericolosi' per gli atei? Italia e Spagna

  • "In Italia i centri per migranti sono vuoti". E in 60mila 'fuggono' all'estero

  • Il dietrofront di Farage spinge i Tory che balzano a più 14 punti sui laburisti

  • Elezioni in Romania, sfida al secondo turno tra Iohannis e Dancila. Barna va forte solo all’estero

  • Triste primato per il sud Italia: tra i neo laureati i tassi d'occupazione più bassi dell'Ue

Torna su
EuropaToday è in caricamento