Acquisti online, due prodotti su tre non rispettano norme Ue su salute e sicurezza

Dai caricabatterie che esplodono ai giocattoli pericolosi. Un’indagine mette a nudo le irregolarità degli articoli venduti su Amazon, Wish, eBay, Aliexpress e LightInTheBox

Il commercio mondiale si sta spostando sempre di più verso i canali di vendita digitali, messi a disposizione da piattaforme come Amazon e eBay. Ma la crescita del volume d’affari dei portali di vendita non corrisponderebbe a un aumento dei controlli sulla merce che mettono in circolazione. È quanto emerge da un’inchiesta di Euroconsumers - coordinamento internazionale di associazioni in difesa dei consumatori, di cui fa parte anche l’italiana Altroconsumo - che accede i riflettori sulle regole ripetutamente disattese dai portali di vendita online. 

L'inchiesta 

Su 250 prodotti acquistati dai portali di grandi rivenditori online come Amazon, Wish, eBay, Aliexpress e LightInTheBox, il 66% non rispetta le normative comunitarie in materia di salute e sicurezza. Si va dai giocattoli pericolosi, ai caricabatterie capaci di prendere fuoco, fino ai cosmetici irregolari. Articoli che, fanno notare le associazioni che hanno condotto lo studio, “in alcuni casi mettono a rischio la salute e la sicurezza di adulti e bambini”.

Le norme

In base alle leggi vigenti, le piattaforme sono tenute a ritirare “rapidamente" gli articoli insicuri, una volta individuati. Chi gestisce le piattaforme di vendita online non è però tenuto a cercare in modo proattivo i prodotti difettosi o pericolosi. Per anni i gruppi di consumatori hanno chiesto alle piattaforme di assumersi maggiori responsabilità per i prodotti venduti sui loro mercati. A tali richieste sono seguite misure volontarie da parte delle piattaforme. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La richista delle associazioni

Amazon, ad esempio, sostiene di utilizzare degl algoritmi automatizzati per individuare la merce pericolosa o difettosa. Ma le associazioni dei consumatori ritengono tali misure insufficienti e chiedono ora un intervento da parte delle istituzioni Ue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento