rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
La sentenza / Spagna

Abusi sessuali su 98 bambini, condannato a 700 anni il 'pedofilo di Instagram'

A volte si fingeva una donna e inviava finte foto e video di una inesistente Lorena, e poi convinceva i minorenni a recarsi da lui, promettendo rapporti sessuale ma a patto che ci fosse anche un uomo

Adescava ragazzini e bambini su Instagram, per poi convincerli ad andare con dei trucchi da lui e avere rapporti sessuali. In tre anni ha abusato di almeno 98 minori di 16 anni, e adesso è stato condannato dal tribunale provinciale di Madrid a 686 anni di prigione. Una pena elevatissima ma comunque inferiore ai 1.324 anni richiesti dall'accusa.

Il 30enne José Ángel SR, noto come 'il pedofilo di Instagram' ha confessato i crimini da lui commessi e durante l'udienza ha chiesto scusa alle sue vittime e ha affermato di avere "una deviazione" che lo ha portato a commettere gli abusi, sostenendo anche di non aver distrutto l'abbondante materiale pedopornografico che aveva sui suoi computer, proprio nella speranza di essere un giorno "scoperto e arrestato per non poter così continuare a commettere reati". Come racconta La Vanguardia, gli eventi si sono verificati tra il 9 novembre 2015 e il 3 settembre 2018. Durante quei quasi tre anni l'uomo ha affinato una strategia per riuscire a convincere i giovani a finire nella sua trappoli.

La maggior parte delle volte fingeva di essere una ragazza, Lorena, e attirava i minorenni con conversazioni a contenuto sempre più sessuale, inviandogli anche foto di nudi e chiedendo foto altrettanto spinte in cambio. Quando si accorgeva che la persona con cui parlava credeva davvero di stare parlando con Lorena, gli proponeva di avere un rapporto a tre con lei e un suo presunto amico. Ma la finta Lorena poi chiedeva ai minorenni di andare prima a letto con lui, e se loro si mostravano restii gli offriva regali e denaro.

Altre volte José Angel S. si è presentato direttamente come un uomo adulto, riuscendo a raggiungere una intimità tale da iniziare a scambiarsi foto e video in cui sia lui che i minorenni si masturbavano. Alcuni di questi giovani poi accettavano di avere con lui rapporti sessuali completi. e ha scambiato con loro messaggi di eccitazione sessuale, accompagnati da video e foto in cui sia lui che i minori sembravano masturbarsi. Alcuni di questi contatti si sono conclusi con un rapporto sessuale.

L'uomo è stato condannato per diverse fattispecie di reato: per aver commesso abusi su minorenni con penetrazione, in alcuni casi abusi ripetuti più volte, per diffusione e possesso di materiale pornografico a minori, per esposizione indecente e per corruzione di minori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi sessuali su 98 bambini, condannato a 700 anni il 'pedofilo di Instagram'

Today è in caricamento