"L'aborto non è un omicidio, corretto censurare chi lo dice"

Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che si è pronunciata su un caso avvenuto in Germania

L'aborto non è un omicidio aggravato. E censurare chi lo dice non viola la libertà di espressione. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani in una sentenza riguardante il caso di un anti-abortista cui i tribunali tedeschi avevano vietato di pubblicare su internet e sui volantini affermazioni in cui si equiparava l'intervento dei medici a un "omicidio aggravato" o alle atrocità sofferte dagli ebrei nei campi nazisti.

Secondo la Corte di Strasburgo, dunque, c'è un limite agli argomenti che gli anti abortisti possono usare per difendere la propria causa. I giudici evidenziano che i tribunali tedeschi hanno valutato minuziosamente le accuse rivolte all'attivista da 4 medici, il materiale pubblicato da quest'ultimo e infine hanno ben bilanciato gli interessi divergenti dei dottori e quello dell'anti abortista. 

La Corte di Strasburgo rileva che la decisione dei tribunali nazionali è stata fondata in particolare sul fatto che le accuse fatte dall'attivista nei confronti dei medici non solo erano molto serie ma avrebbero potuto incitare all'odio e alla violenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento