menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Migranti e rifugiati nel centro di accoglienza di Via Frantoio, Roma. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Migranti e rifugiati nel centro di accoglienza di Via Frantoio, Roma. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Ius soli, canali legali di immigrazione, protezione e integrazione: presentati a Bruxelles i 20 punti del Vaticano sui migranti

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare, questi i 4 principi guida indicati dalla Santa Sede al Parlamento Ue in pieno dibattito sul futuro delle politiche comunitarie su immigrazione e asilo. Kyenge: "un documento lungimirante"

Dallo ius soli ai canali legali di ingresso, dalle politiche contro lo sfruttamento a quelle per l'integrazione, dalla protezione dell'infanzia a quella della famiglia: i venti punti proposti dal Vaticano per rispondere alla crisi dei migranti e dei rifugiati sono approdati oggi al Parlamento europeo di Bruxelles, discussi dai membri della Commissione Libertà pubbliche dell'eurocamera. 

Kyenge: "un documento lungimirante"

"Un documento lungimirante", sottolinea l'eurodeputata PD Cécile Kyenge, "quello presentato in commissione LIBE da Padre Baggio, un documento - insiste Kyenge - che esprime al meglio i principi di solidarietà e di fratellanza e che si articola attorno a pochi principi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare".

Con questo documento la Santa Sede interviene di fatto nella discussione che gira intorno alle azioni europee per gestire la crisi dei migranti e dei rifugiati, peraltro una crisi che sta scemando, secondo le cifre raccolte da Frontex sugli arrivi nella Ue nel 2017. 

Crollo degli sbarchi nella Ue nel 2017: -34% in Italia e -75% in Grecia

"La linea del Vaticano - commenta ancora Kyenge, relatrice del rapporto approvato da Strasburgo sulla situazione nel Mediterraneo - corre in parallelo rispetto alla risoluzione del Parlamento sull'approccio olistico/globale al fenomeno migratorio e pone al centro di ogni politica i diritti della persona e la loro dignità".

Le raccomandazioni della Santa Sede

"Ritroviamo - insiste - principi già codificati come il diritto al non respingimento, nonché raccomandazioni ad istituire canali sicuri e legali per migranti e rifugiati, l'invito a  forme di accoglienza degna e responsabile, l'adozione di procedure che garantiscano i minori e il ricongiungimento familiare, la promozione di politiche nazionali che permettano l'accesso all'istruzione, alla formazione e al mercato del lavoro".

Altro punto, l'accesso alla cittadinanza, un aspetto che include quel ius soli naufragato in Italia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento