menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tafida Raqeeb

Tafida Raqeeb

I giudici danno ragione ai genitori, Tafida sarà portata in Italia per proseguire le cure

Un ospedale di Londra voleva staccare la macchina che tiene in vita la piccola, ma i giudici dell'Alta Corte hanno dato ragione alla famiglia che chiedeva di portarla al Gaslini di Genova. Il legale di famiglia: “Un sollievo dopo mesi di pressione”

Si chiama Tafida Raqeeb la bimba di 5 anni ricoverata a Londra in gravissime condizioni che verrà presa in carico dall'Ospedale Gaslini di Genova. La decisione dell'Alta Corte britannica dà ragione ai genitori della piccola che avevano presentato ricorso contro la scelta dei medici del Royal London Hospital di staccare la ventilazione che tiene ancora in vita la minore, ritenendo ch eper la piccola non ci fosse più niente da fare. Un caso che ricorda da vicino i precedenti di Charlie e Alfie. 

Il ricorso

I genitori della bambina contestavano la prognosi 'senza speranza' dei medici inglesi appellandosi anche alla loro fede islamica contro la volontà di staccare le macchine. Alastair MacDonald, giudice dell'Alta Corte, si è pronunciato a favore dei genitori di Tafida e contro il Barts Health Nhs Trust, che gestisce l'ospedale a est di Londra, dove la piccola è ricoverata da febbraio.

Continuare le cure

Per MacDonald “lo stesso ospedale in cui si trova Tafida, o l'Ospedale Gaslini in Italia o un'altra struttura dovranno continuare a curare la bimba con trattamenti di sostegno alla vita”. Tra le ragioni che spingono per la struttura ospedaliera genovese, che si era offerta di prendersi cura della bambina, c’è la possibilità per i medici italiani di eseguire una tracheotomia, permettendole di tornare a casa e di essere ventilata a domicilio.

Le reazioni

David Lock, in rappresentanza dei genitori di Tafida, si è detto soddisfatto per la sentenza dei giudici, che arriva come “un sollievo intenso” dopo “l'intollerabile pressione” degli ultimi mesi. L'ospedale londinese ha ora 21 giorni per presentare ricorso, ma sia il giudice che gli avvocati della famiglia Raqeeb chiedono una decisione rapida, date le circostanze del caso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento