Migranti, Bruxelles smentisce Salvini: "La Sea Watch non può sbarcare in Libia"

Il ministro dell'Interno: “Usano gli esseri umani per interessi politici, forse economici”. La Ong: “Davvero vuole costringerci a portare queste persone in un Paese in guerra?”

Foto da twitter

Continua il braccio di ferro tra Matteo Salvini e le Ong ch salvano i migranti in mare. E questa volta interviene anche la Commissione europea che dà ragione a queste ultime. Il ministro dell'Interno ha attaccato il comandante della Sea Watch, con 53 migranti a bordo affermando che la sua è una nave fuorilegge per non aver acconsentito a riportare i migranti salvati in Libia, nonostante per la prima volta la Marina libica avesse offerto il porto di Tripoli come luogo per lo sbarco.

Salvini: "Non in Italia"

I migranti salvati in mare "sicuramente non arrivano in Italia perché per fesso non mi prendono e perché usano esseri umani per indegni interessi politici, non so se economici", ha sentenziato il leader leghista lamentando che l'imbarcazione della ong tedesca, ferma nel Mediterraneo, starebbe “andando avanti e indietro”, dimostrando “per l'ennesima volta che opera al di fuori della legge".

L'Ue: "Libia non è porto sicuro"

"Non commento direttamente le dichiarazioni di un ministro", ha dichiarato una portavoce della Commissione, Natasha Bertaud, rispondendo a una domanda dei giornalisti di Bruxelles sulla vicenda, ricordando che l'esecutivo comunitario "non ha competenze per decidere quale imbarcazione può o non può entrare in acque territoriali, né indicare luoghi di sbarco”. Tuttavia, ha però aggiunto, "tutte le imbarcazioni che navigano sotto bandiera Ue sono obbligate a rispettare il diritto internazionale quando si tratta di ricerca e soccorso e della necessità di assicurare che le persone salvate siano portate in un porto sicuro", e per la Commissione "queste condizioni non sono attualmente rispettate in Libia".

Sea Watch: "Violazione dei diritti umani"

“Sea Watch rimane senza un porto sicuro assegnato con a bordo 53 persone di cui 5 minori, due molto piccoli. Davvero un ministro della Repubblica italiana vuole costringerci a portare queste persone in un Paese in guerra? Davvero l’Ue permette una tale violazione dei diritti umani?”, si è chiesta la Ong in un tweet. E a offrire un porto per lo sbarco è stato proprio un tedesco. “Se necessario sono pronto a mandare degli autobus per prendere queste persone”, ha dichiarato il sindaco di Rottenburgs che insieme ad altre città tra cui Berlino ha dato la propria disponibilità ad accogliere i 53 esseri umani. Anche Medici Senza Frontiere si è schierata con la Sea Watch. “I nostri capi missione in Libia l’hanno ripetuto ai giornalisti la scorsa settimana: le condizioni dei migranti detenuti in Libia sono inaccettabili. Alcuni vivono in un metro quadro di spazio. La Libia non è, neanche lontanamente, un porto sicuro”, ha scritto l'organizzazione su Twitter.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • Coronavirus, Londra cambia metodo di conteggio e si 'taglia' 5mila vittime

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento