menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di uomini vittime di violenza domestica durante il lockdown in Germania

Il numero verde attivato in due regioni del Paese ha ricevuto quasi 2mila chiamate in un anno. E ora le autorità tedesche pensano di rafforzare il servizio: "Bisogna sconfiggere il tabù"

L'aumento delle violenze domestiche è stato uno degli effetti collaterali dei lockdown durante la pandemia. Un fenomeno che ha colpito soprattutto donne e bambini. Ma tra le vittime ci sono anche uomini. E sono più di quelli che si potrebbe immaginare. Lo hanno compreso in Germania con i dati alla mano del telefono verde antiviolenze dedicato all'universo maschile, “Hilfetelfon Gewalt an Männern” ("Violenze contro gli uomini"): nel 2020, sono state quasi 2mila le richieste di aiuto gestite dagli operatori del servizio, che finora ha coperto solo due regioni del Paese, la Baviera e il Nord Reno-Westfalia. Un numero elevato che sta spingendo le autorità locali ad allargare il servizio, mentre altri land tedeschi hanno annunciato di unirsi al progetto.

Contro il tabù

Il ministro per gli Affari sociali e l'integrazione del Baden-Württemberg, Manne Lucha, ha affermato che la violenza di qualsiasi tipo "deve essere resa pubblicamente visibile" e che quella contro gli uomini "è ancora un tabù". Inoltre, secondo i funzionari il servizio colma una lacuna nel sistema di assistenza sociale della nazione. Anche Ina Scharrenbach, ministra per le Pari opportunità del Nord Reno-Westfalia ha chiesto di porre fine al tabù sulla violenza contro gli uomini e ha cercato di incoraggiare coloro che ne soffrono a cercare aiuto. Inoltre, secondo Scharrenbach la lotta contro i maltrattamenti è una parte naturale del processo verso l'uguaglianza di genere e ha esortato le persone a “denunciare la violenza contro gli uomini tanto apertamente quanto quella contro le donne".

Chi utilizza la linea di assistenza?

Come spiega Dw, la linea nazionale ha ricevuto 1.825 telefonate da quando è stata lanciata circa un anno fa. Circa il 35% di tutte le chiamate proveniva da Nord Reno-Westfalia, il più grande land della Germania per popolazione. Più del 18% dei chiamanti proveniva dalla Baviera e il resto ha chiamato dagli altri 14 stati tedeschi. Secondo le stime, quasi tre quarti degli uomini che hanno chiamato avevano meno di 51 anni e circa il 53% ha riferito di aver subito violenza fisica o sessuale, mentre circa l’85% ha denunciato quella psicologica. I dati mostrano che, a differenza delle donne, che molto spesso subiscono maltrattamenti solo per il fatto di essere donne, la violenza subita dagli uomini non può essere definita "violenza di genere", in quanto è principalmente perpetrata da partner attuali o precedenti, quindi per motivazioni riguardanti il rapporto interno di coppia.

L’estensione del servizio

Gli organizzatori della linea di aiuto hanno annunciato che stanno ampliando la gamma dei servizi a disposizione, assumendo più personale e prolungando le loro ore. Chi chiama può ora ricevere aiuto a partire dalle 8 del mattino. Inoltre, quest'estate verrà lanciato uno sportello di aiuto via chat online. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento